Strage Las Vegas, Rossi: "Stop all'escalation di armi in Italia"

Il presidente della Regione: "Aumentano le licenze per farsi giustizia da soli"

"Anche in Italia aumentano le licenze e gli imprenditori della paura soffiano sul fuoco e spingono ad armarsi per farsi giustizia da soli". A scriverlo in un post sulla sua pagina Facebook, commentando la strage avvenuta ieri a Las Vegas che ha provocato 59 morti ed oltre 500 feriti, il governatore della Toscana e fondatore di Articolo 1 - Mdp Enrico Rossi.

"A Las Vegas una strage senza senso", ha sottolineato Rossi. "Leggo e rileggo su internet un dato al quale non riesco a credere: ogni anno negli Stati Uniti muoiono più di 30.000 persone a causa delle armi da fuoco". 

Rossi torna così su uno dei temi che hanno caratterizzato la visione italiana dell'America da parte della sinistra: "Non basta vendere liberamente mitragliatrici, bazooka e ogni altro tipo di arma", aggiunge. "Ora - conclude il Presidente - il Parlamento Usa discute di vendere anche i silenziatori. La lobby delle armi si prefiggere di uccidere in silenzio, offre un'altra variante alla strage senza senso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Coronavirus: dalla Cina stanno rientrando a Prato e Firenze 2.500 persone

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Campi Bisenzio, rivende merce rubata ai Gigli davanti ai Gigli: denunciata

  • Via San Zanobi, donna trovata morta in albergo. Caccia al compagno

  • Carcere di Sollicciano: detenuto appicca incendio, scatta l'evacuazione

Torna su
FirenzeToday è in caricamento