Aeroporto, i sindaci della Piana scrivono al governo: "Rispettare sentenza Tar"

Da Sesto, Calenzano, Poggio a Caiano e Carmignano lettera al Ministro dell'Ambiente Galletti. Nardella: "Scorretti"

I sindaci di Sesto Fiorentino, Calenzano, Poggio a Caiano e Carmignano scrivono al Ministro dell’Ambiente per chiedere il rispetto della sentenza del Tar che ha, di fatto, bocciato il Pit nella parte in cui prevede la realizzazione della nuova pista dell'aeroporto fiorentino di Peretola. Nel documento, presentato questa mattina alla stampa, Falchi, Biagioli, Martini e Prestanti ribadiscono il contenuto della sentenza emanata in agosto e diffidano il Ministero a rispettarne il contenuto, chiedendo di concludere la Via sul masterplan 2014-2029 con provvedimento negativo. 

“La posizione dei nostri comuni è di netta contrarietà al nuovo aeroporto. Nei mesi scorsi, Poggio a Caiano, Calenzano e Carmignano hanno anche portato avanti un progetto di partecipazione, Aeroporto Parliamone, coinvolgendo i cittadini e approfondendo alcuni degli aspetti più problematici del progetto - ha sottolineato il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi -. L’iniziativa promossa oggi dalle nostre amministrazioni nasce dalla necessità di far presente alla Commissione di Via che in agosto è avvenuto un fatto non banale con il pronunciamento del Tar. La nostra richiesta è che la commissione di Via prenda atto della situazione e arrivi ad un inevitabile pronunciamento negativo”. 

“L’urgenza di questa lettera - spiega il sindaco di Calenzano Alessio Biagioli - nasce dalle pressioni che avvertiamo quasi quotidianamente sulla stampa". “Siamo qui, oltre i nostri confini amministrativi, perché la salute e la Piana sono beni comuni e le conseguenze negative dell’aeroporto ricadranno su tutti i cittadini - ha dichiarato il sindaco di Carmignano Edoardo Prestanti - la sentenza del Tar non dove essere un motivo di conflitto”.  "L’aeroporto avrà conseguenze negative dal punto di vista idrogeologico, ambientale e comporterà sorvoli a bassa quota sulle Ville Medicee. L’aeroporto è incompatibile con il Parco della Piana: o l’aeroporto o il parco. La sentenza lo dice in maniera chiara. Ignorarla sarebbe profondamente scorretto”, ha puntualizzato il sindaco di Poggio a Caiano Marco Martini. 

La lettera indirizzata al Ministro Galletti ha fatto infuriare il sindaco di Firenze Dario Nardella, che l'ha definita "un atto scorretto". "Non siamo sorpresi di queste iniziative - ha sottolineato - mi auguro che il ministero dell'Ambiente vada avanti senza farsi intimorire", anche perché "le iniziative isolate non portano a nulla". "Noi - ha aggiunto Nardella - abbiamo bisogno di dare infrastrutture a questa città e l'aeroporto è fondamentale non solo per il turismo ma anche per il lavoro. Un'opera che se non realizziamo porterà Firenze e tutta la Toscana in una condizione peggiore. Con il rischio - ha concluso - che alla fine l'aeroporto della Toscana diventi Bologna e io non lo so se è questo che i toscani vogliono".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus, altri due casi in Toscana: un calciatore professionista e un birraio

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento