Caso "anarchici": scritte in Oltrarno a sostegno dei compagni arrestati

Sabato notte scritte a sostegno dei compagni, ritenuti appartenenti ad un'area anarchica, costretti agli arresti domiciliari. Già giovedì erano comparse scritte simili in via del Parione

Tornano le scritte di protesta contro l’operazione di polizia della scorsa settimana che ha costretto cinque giovani agli arresti domiciliari, ritenuti vicini all’area anarchica, per dei reati commessi tra il 2009 ed il 2010.
Le scritte sono state fatte sabato notte nella zona dell’Oltrarno vicino la basilica di Santo Spirito, una addirittura sulla chiesa.    Sono stati anche affissi sulle facciate di alcuni edifici volantini. In uno si legge: "Associazione a delinquere, dicono loro: noi diciamo autonomia, azione, conflitto". Tra le scritte, vergate con spray rosso e nero, "Se lottare é un reato siamo tutti criminali", "Tutti liberi", "Basta repressione", "Associati per la rivoluzione", "Credi ai muri non ai giornali", "Criminali sono i padroni". E anche "In ogni caso nessun rimorso".

In zona frasi anche di altro tenore, tra cui una sull' Unità d'Italia, che è stata fatta con vernice arancione e firmata con falce e martello: "150 anni di sfruttamento e capitalismo, non c'é nulla da festeggiare". E una dal tono burlesco: "No al nucleare si alla f...".
Già giovedì scorso erano apparse scritte simili sui muri di via del Parione, dopo una festa improvvisata da una cinquantina di ragazzi, la più pungente: “Osama Vive”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in appartamento in piazza Indipendenza, strade chiuse e caos traffico / FOTO

  • Firenze Rocks 2020: fan in fermento per la quarta edizione

  • Incidente sull'autostrada A1: feriti e code per chilometri

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Tramvia: come sarà il nuovo ponte sull'Arno / FOTO

  • Versilia: fiorentina muore durante una gita in montagna

Torna su
FirenzeToday è in caricamento