Scandicci: proteste per la nuova sede di Casapound / FOTO

Presidio antifascista nel giorno dell'apertura della nuova sede del movimento di estrema destra

Il movimento di estrema destra CasaPound ha aperto questo pomeriggio una nuova sede a Scandicci, in via Chianesi.

Contro l'apertura Arci, Anpi, Cgil, Sinistra Italiana e Articolo 1-Mdp, assieme al Comitato Antifascista, hanno indetto un presidio di protesta al vicino circolo di San Giusto (al quale si è unito anche Potere al Popolo). Al presidio ha partecipato tra gli altri anche il sindaco di Scandicci Sandro Fallani.

Ingente, durante tutto il pomeriggio, il dispiegamento di forze dell'ordine, carabinieri e polizia, per controllare la situazione. Numerosi i cartelli e gli striscioni di protesta, appesi anche alle finestre di alcune case, anche a pochi metri dalla nuova sede di CasaPound, con su scritto: 'Questa casa è antifascista', 'Noi siamo antifascisti'.

Al presidio antifascista è stata anche lanciata una raccolta firme per una petizione che chiede la chiusura dello spazio: "Nessuna legittimazione né alcuno spazio - chiede il comitato antifascista -, deve essere concesso ad un movimento neofascista".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    Fiorentina: i giocatori tornano nell'albergo dove morì Astori

  • Cronaca

    Autorizzato il corteo di Forza Nuova a Prato, protestano Anpi e associazioni: “Decisione che indigna”

  • Cronaca

    Genitori Renzi: per il crack della cooperativa, a breve la decisione del Tribunale

  • Cronaca

    Lorenzo Orsetti, i genitori: "Vergognoso processare chi combatte l'Isis" / VIDEO

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Sciopero mondiale per il clima: tutto pronto a Firenze

  • Accoltella il compagno al cuore e poi dà la colpa a uno straniero

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento