Sanità, pronta la rivoluzione in Toscana: taglio delle aziende e contributi per i ceti medio alti

Il presidente della Regione ha comunicato la volontà di un cambio drastico dopo la spending review decisa dal governo Renzi. Le aziende sanitarie da 16 a tre e contributi più elevati per i più benestanti

Il governo Renzi mette a dieta le Regioni, e la Toscana pensa a una riorganizzazione totale della Sanità. Con tagli significativi e imposizioni fiscali più elevate per i ceti più abbienti. E’ stato lo stesso presidente della Regione, Enrico Rossi, a comunicare via facebook la rivoluzione che vorrebbe attuare alla luce della prevista spending review. Questo il post del presidente: "Dopo i tagli decisi dal governo, per salvare la sanità pubblica e per tutti, ho proposto una rivoluzione della sanità toscana che prevede di intensificare la lotta agli sprechi, di riorganizzare il servizio in tre aziende sanitarie-ospedaliere-universitarie al posto delle attuali 16, di richiedere un contributo significativo ai ceti medio alti sulle prestazioni sanitarie, di rimettere al centro l'appropriatezza e l'eticità delle cure. Mi sono ispirato a queste parole di Enrico Berlinguer espresse nel 1981 e sempre valide: "Allo stato attuale è insensato che l'assistenza sanitaria sia resa gratuita per tutti gli italiani. Sia resa gratuita e con servizi efficienti per le fasce di reddito inferiori e medio-inferiori. Gli altri contribuiscano in ragione del loro reddito. Ma devono anche essere combattute e liquidate le baronie e le clientele dei "pirati della salute", che portano a sprechi enormi e alimentano insopportabili discriminazioni."
Rossi-5-18

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Largo Annigoni, derubati e poi pestati di botte: gravi due giovani

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni 2019, Marcheschi: "Faccio un passo indietro se centro-destra ha candidato unitario"

  • Cronaca

    Droga: professore sorpreso a comprare marijuana

  • Cronaca

    Risse e violenza: chiuso noto locale del centro storico

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

  • Autostrada A1: incidente tra mezzi pesanti, un morto

  • Concorsi pilotati a Careggi: 8 professori interdetti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento