Bagno a Ripoli, Rossi: "Nei prossimi due anni investimenti in sanità per 50 milioni"

"Veniamo da anni drammatici che per la sanità toscana hanno significato un calo di risorse pari all'8% e a 600 milioni di euro. Nonostante ciò abbiamo raggiunto risultati straordinari"

"In quest'area, nei prossimi due anni, abbiamo previsto investimenti nella sanità e nell'assistenza territoriale per oltre 50 milioni di euro. Si tratta di una cifra notevole con la quale continueremo nell'opera di modernizzazione della sanità toscana, per  la quale negli ultimi quindici anni abbiamo investito l'eccezionale cifra di 3 miliardi di euro. E' anche grazie a questo impegno straordinario e costante che il nostro sistema, che abbiamo voluto pubblico e accessibile a tutti, può vantare le migliori prestazioni a livello nazionale".  Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che ieri mattina, accompagnato dagli assessori regionali al diritto alla salute e alle infrastrutture, Luigi Marroni e Vincenzo Ceccarelli, ha visitato il presidio ospedaliero di Santa Maria Annunziata nel comune di Bagno a Ripoli nel corso della sedicesima tappa del suo "Viaggio in Toscana".

Nel corso dell'incontro con gli operatori sanitari, il direttore generale della Asl 10, Paolo Morello, ha parlato di integrazione tra ospedale e territorio e del progetto legato al rinnovo del pronto soccorso che con i suoi 37.200 accessi nel 2013 è il secondo tra quelli della più grande Azienda sanitaria della Toscana.

"Veniamo da anni drammatici – ha aggiunto Enrico Rossi – che per la sanità toscana hanno significato un calo di risorse pari all'8% e a 600 milioni di euro. Nonostante ciò abbiamo raggiunto risultati straordinari che sono stati possibili grazie allo sforzo corale che abbiamo compiuto, a partire da quello profuso (nonostante il loro numero sia diminuito di duemila unità) dagli operatori della sanità, che ringrazio per questo e per i quali mi auguro si possa riaprire a livello nazionale una contrattazione ferma ormai da troppi anni. Nonostante le difficoltà la sanità ce la può fare e faremo ancora molto perché possa migliorare ulteriormente e offrire servizi sempre più qualificati e appropriati".

Negli ultimi sette anni sono oltre 25 i milioni di euro investiti nel presidio di Ponte a Niccheri e nel Serristori. Negli oltre 50 milioni previsti dal Piano di investimenti 2014-2016 è prevista anche la ristrutturazione di tre case della salute, a San Francesco Pelago, Figline e Tavarnuzze, mentre quasi 2,9 milioni di euro serviranno per la realizzazione di quella di Pontassieve.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Parcheggi sulle strisce blu: “Dal 2020 gratis per i residenti in tutte le Zcs”

  • Vedere Richard Gere a Firenze: ecco come fare 

  • Fiorentina, Nardella: “Nuovo stadio a Campi? Mi opporrò con tutte le forze”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento