Vaglia: l'ex sanatorio Banti di Pratolino diventerà un centro sperimentale

L'ex sanatorio di Pratolino diventerà un centro sperimentale dopo quasi un trentennio di inattività. L'immobile sarà messo all'asta dopo una variante urbanistica per ampliare l'ex sanatorio

Ex sanatorio Banti

L’ex-sanatorio Guido Banti, a Pratolino, nel comune di Vaglia, diventerà un centro sperimentale di interventi socio-sanitari innovativi. Il percorso è stato avviato ieri mattina, con la firma di un protocollo d’intesa tra Regione, Comune di Vaglia, Società della Salute Fiorentina zona nord-ovest e azienda sanitaria 10 di Firenze. A siglarlo, in Palazzo Strozzi Sacrati, sono stati l’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni, il sindaco di Vaglia Fabio Pieri, la presidente della SdS Firenze nord-ovest Caterina Conti, e il direttore sanitario, facente funzione di direttore generale, della Asl 10 Pierluigi Tosi.

In base al protocollo, il complesso ospedaliero Guido Banti, nato nel 1940 come sanatorio, dismesso alla fine degli anni ’80 e ora in avanzato stato di degrado, verrà recuperato e riqualificato. Per essere poi destinato ad accogliere un centro sperimentale di servizi socio-sanitari innovativi: una piastra sanitaria sociale, alloggi sanitari assistiti, residenza sanitaria assistenziale, e un’area per attività di ricerca e formazione. Questa destinazione richiederà una variante urbanistica, che il Comune di Vaglia si è impegnato ad apportare.

Proprietaria dell’immobile – 12.000 metri quadri più 5 ettari di terreno – è la Asl 10 di Firenze. Dopo la dismissione, nel Piano urbanistico del Comune di Vaglia il complesso risulta destinato a “impianti e attrezzature di interesse generale”. Negli ultimi anni, la Asl ha indetto per due volte una gara pubblica finalizzata all’alienazione dell’immobile, gara andata in entrambi i casi deserta. Da qui la decisione di una variante urbanistica, che ripristini l’originaria destinazione socio-sanitaria.

Nel protocollo, tutti i firmatari si impegnano ciascuno a fare quanto di propria competenza per accelerare il recupero e la valorizzazione del complesso. Il primo passo spetta al Comune di Vaglia, che si impegna a gestire le procedure di variante urbanistica per ampliare la destinazione dell’ex-sanatorio. Dopo il completamento di questa procedura, la Asl rimetterà all’asta l’immobile.
 

Potrebbe interessarti

  • L'Enigma del Mostro di Firenze in tv

  • Le mostre da non perdere quest'estate a Firenze

  • Tea tree oil, gli usi per la cura del corpo e della casa

  • Eventi da non perdere a luglio

I più letti della settimana

  • Tragedia per un fiorentino in vacanza: muore in mare

  • Carola Rackete: la Regione Toscana pensa ad un riconoscimento per la capitana della Sea Watch

  • Muore nell'ex ospedale in malora: "Una tragedia annunciata"

  • Outlet di Barberino del Mugello, cambia la proprietà

  • Da Renzi a Carlo Conti: tutti pazzi per Face App, il trucco per invecchiare

  • Sesso a pagamento: si cresce poco, cala il prezzo delle escort

Torna su
FirenzeToday è in caricamento