Salvini: "Aumentati i reati a Firenze, in arrivo 1 milione e mezzo per la sicurezza"

Dopo un colloquio con il prefetto Lega e il sindaco Nardella, il vicepremier ha incontrato i suoi elettori

Il vicepremier Salvini con la sindaca di Cascina Susanna Ceccardi

"Ho comunicato al sindaco di Firenze che ho firmato nuovi fondi per la sicurezza urbana e la video sorveglianza della città per 1 milione e mezzo di euro". Lo ha detto il ministro degli Interni Matteo Salvini all'hotel Mediterraneo di Firenze dove ha incontrato i giornalisti prima di prendere parte alla cena natalizia organizzata dalla Lega Toscana. Nel pomeriggio il ministro ha incontrato il sindaco di Firenze e il prefetto Laura Lega. 

"Il centrosinistra ha fatto molti danni qui - ha affermato il vicepremier - Firenze è una delle poche città in cui non sono in calo i reati, specie rapine e furti. Le statistiche ci dicono che il 54% dei reati nel capoluogo toscano è compiuto da cittadini stranieri. Siamo convinti che i fiorentini capiranno che la nostra offerta politica è migliore". 

Altro argomento toccato dall'incontro tra Salvini, Lega e Nardella è stato ovviamente quello delle politiche migratorie. "Ho chiesto al sindaco di Firenze e alla Regione Toscana di identificare un posto per il centro dei rimpatri - ha detto Salvini - se mi si chiede di espellere i clandestini, ogni regione deve fare la sua parte, e non parlo del sindaco, ma di qualche altro amministratore locale in Toscana... se c'è un pregiudizio ideologico sarà un problema non per Salvini ma per i toscani. Inoltre proporrò a tutti i prefetti di fare quello che è stato fatto qui a Firenze: stabilire un coprifuoco per il rientro serale dei migranti nei Cas".

L'arrivo del segretario della Lega è stato accolto da una manifestazione di protesta indetta dalle forze antagoniste della città. Circa 300 persone, soprattutto studenti delle scuole superiori, hanno sfilato nel centro urlando "Salvini razzista". I manifestanti hanno contestato le politiche migratorie del governo giallo-verde e gli sgomberi dei palazzi occupati da parte dell'amministrazione fiorentina. "Tutti hanno il diritto a una casa", ha tuonato Luca Toscano, del sindacato 'Si Cobas'. Ci sono stati alcuni momenti di tensione tra forze dell'ordine e manifestanti quando quest'ultimi hanno cercato di arrivare in Via Cavour per raggiungere la Prefettura.

La cronaca della manifestazione

E Salvini ha risposto ai manifestanti attraverso la sua pagina Facebook. "Anche a Firenze i centri 'a-sociali', non mancano di darmi il loro 'democratico' benvenuto. Lo mandiamo un bacione?", ha scritto il ministro sul social network.

La cena dei mille

Più di mille persone hanno partecipato alla cena natalizia della Lega all'hotel Mediterraneo di Firenze. Salvini è stato accolto da un lungo applauso. Ancora il partito del vicepremier non ha deciso chi sarà il suo candidato sindaco alle elezioni amministrative del 2019. 

"A Firenze il candidato non lo porta Salvini, ma me lo portano i fiorentini - ha detto all'hotel Mediterraneo -. Aspetto suggerimenti, conto che le tante persone che incontrerò stasera qualche suggerimento me lo diano. Sarò a disposizione della città come ministro, come segretario della Lega in un centrodestra che per la prima volta nella storia può ambire a cambiare il volto della città, ma non sono io a portare i nomi".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sicurezza: allerta terrorismo, luoghi di culto sorvegliati speciali

  • Cronaca

    Lorenzo Orsetti: la salma del giovane ucciso in Siria tornerà a Firenze

  • Cronaca

    Cinghiali in città: boom di catture ma stop alle battute di caccia

  • Cronaca

    Bistecca patrimonio dell'Unesco: patto Comune-Regione

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Sciopero mondiale per il clima: tutto pronto a Firenze

  • Accoltella il compagno al cuore e poi dà la colpa a uno straniero

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento