Botti di Capodanno, Matteo Salvini: "Chiederò di limitare questa rottura di scatole"

L'esponente della Lega invierà una circolare ai prefetti di tutta Italia

Il ministro Matteo Salvini vuole porre fine all'uso di petardi e botti, o almeno ci prova. A tutela del "benessere umano e animale", il leader dei Carroccio oggi invierà una circolare ai prefetti: "Invito formalmente da ministro, cittadino, da padre a limitare quanto più possibile quella enorme rottura di scatole che sono botti, petardi che costano morti, feriti, sofferenze a uomini e animali. Se sarà un capodanno meno rumoroso ne sarò molto felice".  La dichiarazione del ministro dell'Interno è arrivata ieri nel corso di una conferenza stampa,al termine di un vertice in Prefettura a Firenze.

Tagliente la risposta del sindaco Dario Nardella. "Se i prefetti ci garantiscono tutte le forze dell'ordine possibili per controllare 370 mila fiorentini e diverse decine di migliaia di visitatori io volentieri firmo ordinanze, ma non firmo ordinanze per prendere in giro i cittadini e impedire l'uso di botti, sapendo che il controllo è estremamente difficile, finiremmo per fare una figuraccia". Secondo il primo cittadino c'è il rischio senza le sufficienti risorse che la misura diventi "un boomerang, una presa in giro".
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto durante il fermo, Ilaria Cucchi: "So come va a finire"

  • Attualità

    Piazza della Libertà: apre il caffè Lietta | FOTO

  • Incidenti stradali

    Incidente in piazza della Libertà: scontro tra auto e automedica | FOTO

  • Cronaca

    Scoperto a rubare si denuda

I più letti della settimana

  • Piazza Giorgini: chiude lo storico forno-pasticceria, festa per la 'Gianna' / FOTO

  • Neve in arrivo

  • Incidenti stradali, auto contro autobus: diversi feriti

  • Delirio in via de' Benci: prende a testate una vetrata e aggredisce i carabinieri / FOTO - VIDEO

  • Trasporti: in arrivo sciopero

  • Mega centro benessere al posto dello storico Teatro Nazionale

Torna su
FirenzeToday è in caricamento