Renzi sulla prescrizione arriva a minacciare la crisi di governo

L'ex premier alla ribalta mediatica

Il regalo più grande al centrodestra, come notano in molti, lo sta facendo Matteo Renzi.

Quasi nessuno parla più infatti della batosta elettorale presa da Matteo Salvini alle regionali dell'Emilia Romagna due settimane fa, mentre tutti parlano di una possibile crisi di governo.

Minacciata da chi? Dall'ex sindaco ed ex presidente del consiglio Renzi, che pur di mandare all'aria la nuova legge sulla prescrizione voluta dal ministro della giustizia Alfonso Bonafede sta rilasciando dichiarazioni al vetriolo un minuto sì e l'altro pure.

Attaccando quelli che in teoria sono i suoi colleghi della maggioranza di governo: Movimento 5 Stelle e Pd. Tra le altre cose, ha minacciato una mozione di sfiducia contro Bonafede.

Ministro di un governo che peraltro lui stesso in estate ha fortemente voluto, anche perché, dicono le malelingue, non aveva ancora lanciato il suo partito Italia Viva e quindi non sarebbe stato pronto per le elezioni.

Poi quel partito, due mesi dopo, l'ha fondato e dal giorno dopo (ma in realtà aveva già cominciato) ha iniziato a picconare il governo. Altro che Cossiga.

Probabilmente, anche questo lo notano in molti, Renzi lo fa anche per attirare attenzione mediatica, visto che i sondaggi non sono clementi e lo danno inchiodato al 4%.

Sicuramente in questi giorni Renzi è riuscito a tornare alla ribalta della scena, anche mediatica. Chissà per quanto riuscirà a starci. E chissà se i sondaggi (e le future elezioni vere) lo premieranno.

Cosa prevede la nuova legge sulla prescrizione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Coronavirus, Rossi: "No alla chiusura di scuole o stop ai concorsi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento