Renzi lancia 'Italia Viva': chi segue il politico di Rignano

Duro attacco al capo della Lega ieri sera a 'Porta a Porta'. Vespa pronto alla sfida dei due Mattei

Matteo Renzi a Porta a Porta

Ieri sera Matteo Renzi è stato protagonista del salotto di Bruno Vespa, la trasmissione ‘Porta a Porta’, in onda su Rai1 dove ha lanciato (battezzato) la sua nuova formazione politica ‘Italia Viva’.

Prima che iniziasse la trasmissione lo storico giornalista e l’ex premier hanno girato una scena di fronte al bancone di un bar dove il politico di Rignano ha preso un caffè. Vespa gli ha chiesto: “Adesso nel sotto pancia cosa mettiamo?”. Renzi ha risposto semplicemente: “Senatore di Firenze, il nome del progetto che vogliamo lanciare sarà ‘Italia viva’, vogliamo parlare alla gente che ha voglia di tornare a credere nella politica”.

E il giornalista ha chiesto: “Nel Pd non poteva farlo?”. L’ex sindaco ha detto: “Per 7 anni ho cercato disperatamente di stare nel Pd poi le polemiche, i continui litigi erano troppi, il fuoco amico ci ha fatto perdere il referendum e le elezioni”.

Renzi si è rifiutato di parlare di scissione piuttosto ha preferito il termine ‘separazione consensuale’. “Da domani (oggi, ndr.) Zingaretti non è più il mio segretario, non ho nessuna polemica da fare con lui. Migliaia di persone stanno aderendo a ‘Italia Viva’ - ha detto l’ex premier -, non vuole essere un partito dei governatori o dei sindaci infatti il mio amico fraterno Dario Nardella rimarrà nel Pd”.

Duro l’attacco all’ex vicepremier e capo della Lega Matteo Salvini. “La vera scissione di Palazzo c’è stata quando qualche mese fa c’era Salvini al governo, il grande eroe che doveva cambiare tutto - ha spiegato Renzi -. Salvini ha scelto deliberatamente di aprire una crisi non da un’infrastruttura bloccata ma da una spiaggia, quella del Papeete, dove ha detto ai parlamentari di alzare le terga e andare a Roma. Noi lo abbiamo fatto ma quando ha minacciato di volere i pieni poteri - termine usato da Mussolini e Hitler – eravamo di fronte a due opzioni: accettare il diktat del Papeete, cioè andare al voto, o costruire un’alleanza anti-Salvini.  Per me dialogare con i 5 Stelle è stata una sofferenza, per quello che hanno detto sui miei genitori o su me stesso, c’è un momento in cui vale più l’interesse istituzionale su quello personale. Intanto chiedo a Salvini, che adesso ha più tempo libero, se proprio qui nel salotto di ‘Porta a Porta’ è disponibile ad un confronto con me”.

Il leader della Lega non se l’è fatto ripetere due volte, nel giro di pochi minuti ha mandato un messaggio a Bruno Vespa dicendo di essere disponibile al confronto con l’altro Matteo.

Vespa ha detto: “Scommetto alle prossime elezioni sarete entrambi candidati premier”. Renzi non ha risposto ma ha fatto intendere che sarà molto probabile.  

L’uscita dal Pd

Renzi ha risposto così: “Non credo che il Pd sia un partito in cui si canta 'Bandiera Rossa', non è il canto con cui si accoglie il segretario del Pd a conclusione di una festa de l’Unità. Per quel partito lì è più logico che ci siano D’Alema e Speranza. Intendiamoci non esco dal partito perché un gruppo di militanti ha intonato ‘Bandiera Rossa’, la decisione di lasciare l’ho presa durante i 4 giorni di scuola politica estiva che organizzato a agosto: ‘Meritare l’Italia’. Ho visto ragazzi bellissimi che non meritano di diventare leader di corrente. Il Pd oggi è una comunità in cui le correnti contano più delle idee, dico alla gente che sta a casa che esiste una nuova forza politica dove contano le idee”.

Chi entra nella ‘casa’ di Matteo Renzi

Solo oggi si scoprirà chi farà parte ufficialmente di ‘Italia Viva’: saranno circa 40 parlamentari, 25 deputati e circa 15 senatori. Sicuramente ne faranno parteMaria Elena Boschi e Francesco Bonifazi. Intanto la compagine del politico di Rignano può già contare un sottosegretario e due ministri: Teresa Bellanova e Elena Bonetti. Insomma il neonato esperimento politico di Renzi ha già una forza politica notevole: è il terzo elemento che sostiene il Conte bis e potrebbe essere l’ago della bilancia in tante votazioni parlamentari.

“Il presidente del consiglio mi è sembrato tranquillo - ha sottolineato Renzi -. Per me vale il programma di governo e io sono impegnato a sostenere il governo, con i nuovi gruppi ci sarà qualcuno in più , pochi, che verranno a rafforzare la maggioranza. Come si può dire che potrei staccare la spina a questo governo quando gliel’ho attaccata io? Il Conte bis durerà fino al 2023”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ex sindaco di Firenze si è poi dato un obiettivo per ‘Italia Viva’: “Vorrei un migliaio di iscritti entro la prossima Leopolda”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Coronavirus: 3 nuovi casi, 6 decessi. Punto più basso dei ricoverati dal 9 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento