Pedonalizzazione: CasaPound protesta per l'esodo dei fiorentini in provincia

Ieri pomeriggio i militanti di CasaPound hanno organizzato una protesta sul ponte Vespucci contro il sistema di pedonalizzazione del sindaco Renzi. Nel mirino l'esodo dei fiorentini in provincia e l'attuazione di questo piano sulla copia del progetto Winkler

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Ieri pomeriggio i militanti di CasaPound Firenze hanno organizzato un presidio nel centro storico, per la precisione su Ponte Vespucci, per protestare contro i provvedimenti sul traffico della Giunta Renzi, che stanno svuotando il centro sia dei fiorentini che della poca fiorentinità rimasta.

“Il Sindaco Renzi continua a governare Firenze a colpi di annunci, decisioni sensazionalistiche e spot pubblicitari”, dichiara Saverio Di Giulio Responsabile di CasaPound Firenze, “e purtroppo chi ci rimette sono i fiorentini, in particolare quei fiorentini che non si arrendono all’esodo dal centro storico,  che desiderano vivere la città dei propri avi e che non vogliono andare a vivere nei quartieri della periferia o, peggio ancora, in provincia, lasciando spazi liberi ad alberghi, bed&breakfast, affittacamere.”


“Eppure a Renzi pare che non interessi la loro sorte”, prosegue Di Giulio, “anzi, ha rispolverato il vecchio progetto dell’urbanista Winkler e lo sta applicando alla lettera penalizzandoli ulteriormente. Se la pedonalizzazione di Piazza del Duomo è stata una decisione giusta, chiudere altre strade e piazza storiche a tutto il traffico è invece una decisione integralista che serve solo a farsi pubblicità in Italia e all’estero ma che aggrava i problemi della nostra città anziché alleviarli”.
“Ci interroghiamo”, puntualizza il Responsabile di CPI Firenze, “se è troppo chiedere che il centro venga realmente riservato ai cittadini residenti ed ai mezzi pubblici e pretendere un servizio di trasporto pubblico urbano efficiente”.

“Il vero problema di Firenze”, conclude Di Giulio” è il traffico che arriva da fuori città. Fino a quando non verranno presi seri provvedimenti per limitare e disincentivare il traffico proveniente dall’hinterland qualsiasi provvedimento che riguardi solo la nostra città sarà parziale, punitivo per i fiorentini e dannoso per Firenze. Non sappiamo se Renzi se ne sia reso conto, ma ci viene il dubbio che al Sindaco interessi più dare l’impressione di risolvere i problemi che risolverli per davvero”.
 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento