Cartelli con minacce di morte verso la Lega in Regione e Provincia

La notizia data in Aula dal capogruppo Gambetta Vianna: "Inaudito che persone possano circolare nel Palazzo e arrivare alle nostre stanze". Chiamata la Digos a fare rilievi

Cartelli intimidatori, contenenti minacce di morte, sono stati appesi alle porte delle stanze della Lega Nord Toscana in Consiglio regionale. A darne notizia lo stesso capogruppo della Lega Nord toscana, Antonio Gambetta Vianna che, in chiusura dei lavori dell’aula ha reso noti all’assemblea gli accadimenti della mattinata.

“E’ stata chiamata la Digos a fare dei rilievi”, ha spiegato Gambetta, definendo “molto grave” il fatto che “persone possano circolare per il Palazzo regionale e arrivare alle stanze dei gruppi indisturbate. Significa che non c’è controllo”, ha commentato. Il presidente di turno dell’assemblea, Roberto Benedetti, oltre a condannare i fatti ha espresso solidarietà al gruppo della Lega: “Mi farò carico di portare la questione in Ufficio di presidenza”, ha assicurato.  

PROVINCIA – Lo stesso tipo di cartelli, contenenti minacce, sono stati rinvenuti anche nella sede della Provincia di Firenze sempre all’indirizzo della Lega. Il Capogruppo provinciale, Marco Cordone, ha provveduto nel primo pomeriggio a presentare denuncia alle Autorità competenti.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus, altri due casi in Toscana: un calciatore professionista e un birraio

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus, Rossi: "No alla chiusura di scuole o stop ai concorsi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento