Ici nelle strutture ricettive della Chiesa, Grassi: “Su 29 solo sette la pagano”

Il consigliere Grassi ha presentato i numeri del pagamento della tassa sulle strutture ricettive della Chiesa a Firenze. "Su 29 strutture prese in esame solo sette la pagano"

fonte facebook

Durante la Crisi che attanaglia l’Italia, si cerca di snidare privilegi, tassare, e recuperare il possibile. La reintroduzione dell’Ici torna in primo piano dopo che il governo Berlusconi la rimosse; ora sarà accorpata dal neopremier Monti nell’Imu, imposta municipale unica. E la Chiesa, o meglio le strutture ricettive della Santa Sede come si devono comportare? Ieri il consigliere comunale Grassi affiancato da alcuni esponenti dei radicali hanno presentato dei dati sulle esenzioni nel territorio gestito da Palazzo Vecchio. “I dati che emergono dal Comune di Firenze sono espliciti: su 29 strutture ricettive sul territorio fiorentino prese in esame, solo 7 pagano l’ICI al Comune, nonostante, e abbiamo provato direttamente a chiedere di poter alloggiare una notte, esse non sono riservate solo a membri del Clero o al turismo religioso ma svolgono a tutti gli effetti un servizio alberghiero. – annunciano Mario Staderini, Segretario Radicali Italiani, Grassi insieme a Maurizio Buzzegoli dei Radicali di Firenze e a Mauro Romanelli, Consigliere regionale della Toscana - Nei tentativi i prezzi oscillano tra i 70 e i 120 euro a notte per una matrimoniale: dei veri e propri prezzi da albergo. E’ proprio il caso di dire che per la Chiesa le vie dell’esenzione sono infinite.”

Cosa possono fare il sindaco Renzi e la sua giunta? “Nell’immediato a livello comunale abbiamo presentato una mozione che chiede al Sindaco di proporre, all’interno dell’ANCI, ogni atto al fine di eliminare tale ingiustificata disparità di trattamento, a salvaguardia degli interessi della finanza pubblica, nonché al fine di evitare un'infrazione comunitaria da parte dell’Italia ed inoltre chiede di avviare un’indagine di controllo sul territorio comunale sulle esenzioni e sulle mancate dichiarazioni dovute all’introduzione dell’esenzione ICI per le attività degli enti religiosi e non profit di natura commerciale. Per adesso non è stato possibile votarla per i veti della maggioranza, ci auguriamo che l’apertura nazionale possa avere effetti positivi anche su Firenze.”
 
“Con la sentenza della Corte Suprema di Cassazione sezione tributaria n.23314 del 09 novembre scorso sarà più semplice per i Comuni approfondire gli aspetti legati agli immobili religiosi che usufruiscono dell'esenzione dall'Ici quando in tali edifici vengono svolte attività commerciali, tipo l'ospitalità a pagamento realizzata con le modalità del trattamento alberghiero: sarà infatti impossibile che l'esenzione dall'ICI possa avvenire "senza verificare, alla stregua della realtà fattuale, la concreta sussistenza delle condizioni legittimanti l'esenzione da imposizione dell'attività svolta" – concludono gli esponenti politici  – A Firenze siamo al paradosso in cui alcune strutture non pagano l’ICI ma dallo scorso luglio le stesse obbligano i turisti al pagamento della tassa di soggiorno: si rispetta la Legge solo quando a pagare è qualcun altro ?”
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • UN VESCOVO GUADAGNA 13 MILA EURI MENSILI, BELLA ONESTA'. Se si rastrellassero ogni anno i 13 miliardi di euro che un sottogoverno confessionale continua a donare alla Città del Vaticano, sottraendoli con la menzogna dalle tasche della povera gente, se si recuperassero tutti gli introiti dell’ICI (il valore degli immobili vaticani ammonta per difetto a 30 miliardi di euro), la smetteremmo di parlare di debito pubblico (altra bufala) , di crisi delle pensioni, di tagli ai rinnovi contrattuali, alla sanità, alla scuola pubblica, all’arte, alla musica e allo spettacolo… Grazie a Berlusklaun il Vaticano, il più ricco Stato del Mondo, non paga più neppure l’ICI, i suoi monumenti privati sono ristrutturati con le tasse imposte ai lavoratori italiani, e gli istituti cattolici sono finanziati con i soldi di noi tutti, non con le offerte dei fedeli o delle aziende di Berlusconi, abbastanza ricche da permetterselo. Siamo il solo caso nel mondo in cui una popolazione multirazziale e multiconfessionale deve obbligatoriamente versare i propri contributi per farsi indottrinare. Atei, non credenti, agnostici, musulmani, ebrei, protestanti ed induisti, le cui tasse statali sono devolute molto benignamente ad una ideologia religiosa che li combatte accanitamente e che se potesse tornerebbe ad accendere nuovi roghi! È come se gli Italiani – il paragone non vi sembri forzato – fossero costretti a finanziare l’Iran per lasciarsi plagiare: è la stessa identica cosa, anche se sembra assurda. Ma come ha detto qualcuno: “Il Vaticano è uno stato! L’Italia no!”. DIMENTICAVO: I VESCOVI GUADAGNANO 13 MILA EURI IL MESE. DA: LA RELIGIONE CHE UCCIDE COME LA CHIESA DEVIA IL DESTINO DELL’UMANITÀ (Nexus Edizioni), giugno, 2010. 517 pagine, 130 immagini, € 25 http://www.shopping24.ilsole24ore.com/sh4/catalog/Product.jsp?PRODID=SH246200038 http://www.macrolibrarsi.it/libri/__la-religione-che-uccide.php http://shop.nexusedizioni.it/libri_editi_da_nexus_edizioni_la_religione_che_uccide.html

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente in Piazza Pier della Francesca: muore una donna

  • Cronaca

    Bagno a Ripoli, violenza contro la madre 90enne: figlia in carcere 

  • Video

    Strage dei Georgofili, Firenze in piazza per ricordare le vittime dell'attentato / VIDEO

  • Cronaca

    Bus turistici in Ztl: sentenza ribaltata, via ai rincari

I più letti della settimana

  • Scandicci: il ristorante fa debiti, a pagare pensa il Comune

  • Forte Belvedere torna a pagamento, anche per i fiorentini

  • Veleno a Rignano: "Dal Pd soldi all'azienda dei Renzi"

  • Il "Giglio magico" in tre livelli, secondo Graziano Cioni | FOTO

  • Consiglio regionale, i "grillini" perdono un pezzo

  • Gay Pride, scontro in consiglio: "Il gonfalone non cambia la vita degli omosessuali"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento