Formalizzata la struttura organizzativa dell'associazione politico-culturale “Sinistra per Calenzano”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Il giorno 28 Settembre l'Assemblea plenaria dell’Associazione “Sinistra per Calenzano” ha votato la propria struttura organizzativa, i propri organismi dirigenti ed eletto Gianni Pagani Presidente della stessa. Siamo entusiasti ed estremamente soddisfatti di questo ulteriore passo in avanti nella vita della nostra associazione, dovuto e necessario per rispondere alle responsabilità che sentiamo verso i tanti sostenitori e simpatizzanti del nostro progetto. Un progetto che, incontrando un vasto consenso nella comunità calenzanese, ci prefigura come seconda forza politica a Calenzano, e che ci permette di non essere secondi a nessuno dal punto di vista dell'impegno sociale e culturale, nelle pratiche di volontariato e di cittadinanza attiva, e nel ruolo di “guida”, grazie alla presenza di tanti nostri soci membri di Consiglio nella quasi totalità dei circoli sociali, nelle associazioni culturali, ed in quelle sportive e di solidarietà. Una potenza dunque realmente attiva nella vita sociale cittadina ed in continuo crescendo, che ha saputo interpretare, con una visione aggiornata, la diffusa coscienza di un rinnovato pensiero di sinistra, e sapientemente saldarlo alle radici storiche che hanno plasmato il volto sociale e politico di Calenzano, tenendo fermi i punti fondanti delle politiche di protezione sociale e dei diritti universali. Gianni Pagani, con la sua storia ed il rinnovato percorso politico, incarna questo progetto di rinnovamento nella continuità a sinistra, che ha trovato radici fertili nella struttura sociale della nostra piccola comunità, ma che potrebbe saldarsi alle altre esperienze di pari vitalità ed intelligenza politica per diventare poi riferimento più vasto, riuscendo così a contaminare, suggestionandolo, un indirizzo nazionale volto a dare linfa vitale ad una rinascita dell’azione della sinistra ed a una sua prospettiva, meritevole di consenso. La grande partecipazione sia all'Assemblea che all'elezione del Presidente (hanno espresso il loro voto 77 soci, pari al 73,3% degli aventi diritto) sottolinea ancora una volta la totale unità di intenti e la condivisione di un obiettivo condiviso. Disponibilità all’attivismo, coerenza e lealtà intellettuale, generosità ed empatia: punti di forza della nostra associazione che si sono amplificati nell'azione collettiva, sostenuta da un pensiero di visioni comuni. L’organizzazione che ci siamo naturalmente dati è quindi lo specchio del nostro modo di agire: il nostro consiglio direttivo non è infatti ristretto, ma caratterizzato da un consistente numero di consiglieri (al momento 53, ed aperto a nuovi ingressi). Le strutture verticistiche non sono nel nostro DNA, ed infatti tutti i soci si trovano ad essere coinvolti in macro aree di lavoro tematiche, al cui interno esistono sottogruppi imperniati su argomenti specifici e condivisibili, laddove necessario. Ogni macro area ha un coordinatore che tiene le fila all’interno dell’area stessa e fra le varie aree, e la linea guida di tutto il progetto è il nostro programma, elaborato durante la campagna elettorale. Siamo fermamente convinti che la politica, oltre che passione, debba essere informazione, competenza, studio, pratica nei luoghi ed ascolto dei cittadini, dei lavoratori, degli operatori sociali. Non apprezziamo e rifiutiamo quelle forme fatue ed effimere di politica fondata sui personalismi, sulla continua propaganda, sulla spettacolarizzazione e manipolazione dell’informazione che sono i capisaldi del cosiddetto “uomo solo al comando”. La politica è cosa seria, richiede impegno, passione e sacrificio; è, come diceva già Aristotele, pura partecipazione alla vita sociale e civile, e proprio in questo ambito trova il suo alimento e la sua ragion d'essere. In campo istituzionale abbiamo espresso all’opposizione un Gruppo Consigliare che per spessore e competenza è del tutto in grado di condizionare fortemente l’agenda e le azioni di governo, una novità assoluta nella storia di Calenzano. Il lavoro dell’associazione produrrà elementi utili ed efficaci all'operato dei nostri rappresentanti in Consiglio, e con loro, nel rispetto dell’autonomia esecutiva, daremo vita ad un prolifico scambio di opinioni e informazioni di cui faremo partecipe la cittadinanza. Nascerà infatti un organo di informazione cartaceo (e non solo) che sarà distribuito a tutti i cittadini. Queste sono le importanti novità che abbiamo prodotto, uniche nel panorama della nostra città, foriere di un futuro generoso che prende vita nel presente da un pensiero di sinistra, rappresentativo di molti dei nostri animi, di coloro che si sono sentiti privati di un sogno, e di quanti non hanno avuto fino a questo momento abbastanza giustizia.

Torna su
FirenzeToday è in caricamento