Certaldo: Mussolini non è più cittadino onorario

Lo ha deciso il consiglio comunale

Ci sono voluti più di 90 anni e una campagna elettorale dai toni accesi che guarda molto alla storia (basta pensare agli scontri quotidiani tra antifascisti e fascisti) per revocare la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini a Certaldo. Circa un mese fa un gruppo di cittadini aveva fatto la scoperta. L'onoreficenza gli era stata conferita nel 1924: prima di diventare dittatore, di approvare le leggi razziali e di partecipare a fianco di Hitler alla seconda guerra mondiale. La scoperta aveva suscitato numerose polemiche.

Stanotte il consiglio comunale di Certaldo ha revocato la cittadinanza onoraria al dittatore. La votazione è arrivata alle 1 e 30 dopo una lunga discussione legata al bilancio di previsione avvenuta in avvio di consiglio, iniziato intorno alle 21.30 di ieri. A votare a favore sono stati, oltre alla maggioranza composta da Pd e Leu, anche M5S e la lista civica di opposizione "Altrapolitica". I due eletti di Forza Italia Lucia Masini e Giuseppe Romano hanno lasciato l'aula al momento del voto.

La settimana scorsa a Certaldo era arrivata, per un'iniziativa elettorale, l'eurodeputata di Forza Italia Alessandra Mussolini (nipote del dittatore) invitata dal partito locale.

Secondo il sito gonews.it il fondatore del fascismo sarebbe ancora cittadino onorario della città di Empoli che è stata insignita da poche settimane della medaglia d'oro al merito civile per la sua lotta al fascismo e all'occupazione nazista. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Lavaggi in lavatrice senza sapone con le "sfere magiche": ecco la novità | FOTO

  • Incidente in via Nardi: scooter travolto da auto, 22enne gravissima

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento