Elezioni comunali, le 'ricette' della destra: “Moratoria sulla tramvia e ristrutturazione del Franchi”

Le proposte sulle infrastrutture del candidato di Fratelli d'Italia Marcheschi: “Anche il tunnel Tav va ripensato”

Paolo Marcheschi, consigliere regionale di Fratelli d'Italia

Paolo Marcheschi ci crede sempre più, anche se pare difficile che alla fine possa davvero essere lui il candidato a sindaco di Firenze in rappresentanza di tutto il centrodestra. Nel frattempo l'uomo lanciato da Fratelli d'Italia un paio di settimane fa per smuovere le acque con gli alleati prosegue la campagna elettorale.

Questa mattina, in una conferenza stampa a due passi da quel Palazzo Vecchio che la destra sogna di conquistare, Marcheschi ha lanciato le proposte elettorali di Fdi sulle infrastrutture.

Moratoria sulle nuove linee della tramvia e stop al tunnel Tav

Moratoria di almeno sei mesi sulle nuove linee della tramvia. La città ha già pagato anche troppo. Valutiamo l'impatto delle linee esistenti (lunedì ad inaugurare la 2 arriverà il presidente della Repubblica Mattarella, ndr) e poi riparliamone”, dice il consigliere regionale, seduto a centro tavola tra Francesco Torselli, consigliere comunale e coordinatore regionale di Fdi, e Arianna Xekalos, ex Movimento 5 Stelle appena passata con il partito di Giorgia Meloni.

Mani avanti anche su tunnel Tav e stazione Foster. “Da sempre siamo contrari al sottoattraversamento. L'alta velocità serve ma è necessaria la revisione del progetto, apriamo un tavolo con Ferrovie per verificare se siano recuperabili progetti che prevedano l'utilizzo di binari esistenti o di nuova realizzazione”, dice ancora Marcheschi (un progetto elaborato dall'università di Firenze che prevede il passaggio in superficie tra l'altro esiste da anni, ed è quello che chiedono anche associazioni varie e il Comitato No Tunnel Tav). Soddisfazione invece per il 'sì' arrivato ieri da Roma sull'ampliamento dell'aeroporto: "Ora speriamo che tutto proceda senza intoppi".

Nuovo stadio in tempi certi o ristrutturazione del Franchi

Infine la storia infinita del nuovo stadio della Fiorentina. “I Della Valle devono dire con chiarezza un termine entro il quale presentare il progetto definitivo. Non possiamo andare avanti così. Se no, meglio pensare ad un 'restyling' dell'Artemio Franchi, con una ristrutturazione che preveda la copertura dell'intero impianto. Lo proponemmo nel 2013, a quest'ora sarebbe stato pronto”, commentano Marcheschi e Torselli.

Verso il candidato sindaco del centrodestra

Domani in città arriva Guido Crosetto, coordinatore nazionale di Fdi e numero due del partito, nel giorno del nuovo vertice con gli alleati di Forza Italia e Lega per la scelta del candidato sindaco, dopo il nulla di fatto nell'incontro di una settimana fa.

Negli ultimi giorni si è parlato molto di Cesara Buonamici, nata a Fiesole 62 anni fa e volto storico del Tg5. Sicuramente il nome più conosciuto tra quelli emersi finora.

In ballo resta anche il manager Ubaldo Bocci. “Ma la mia non è solo una candidatura di bandiera. Sono in campo - assicura Marcheschi -, e questa volta possiamo davvero vincere anche a Firenze, il Pd non è più così forte”. Vedremo se sarà il suo il nome ad uscire dall'incontro di domani.

da sinistra xekalos marcheschi e torselli-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tramvia: il rendering con tutte le fermate della linea 3.2 / FOTO

  • Cronaca

    Matteo Renzi sull'arresto dei genitori: “Un capolavoro mediatico”

  • Cronaca

    Ataf rivoluzione: ecco gli autobus della 'flotta ecologica' / FOTO

  • Cronaca

    Tragedia a Calenzano: 21enne muore in polisportiva

I più letti della settimana

  • "Quattro ristoranti": la trattoria che ha detto "no" allo chef Borghese

  • Alessandro Borghese a Firenze: ecco i "Quattro ristoranti" in gara

  • Tramvia: linea 2 strapiena, la protesta di un fiorentino

  • Incendio all'Uci Cinemas di Campi Bisenzio: evacuate 1200 persone

  • Morto Salvatore Spera: il re della pizza a Firenze

  • Tramvia, la Soprintendenza: “La linea per Bagno a Ripoli così non si può fare”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento