Regione, un altro consigliere lascia il Pd e passa con Italia Viva di Renzi

Prosegue la 'scissione a rate': Massimo Baldi è il terzo consigliere regionale a fare il salto dopo Scaramelli e Meucci

Massimo Baldi, foto Facebook

A parole tutti garantiscono che resteranno nel Partito democratico, ma la tanto temuta 'scissione a rate' anche oggi segna un nuovo passo, con un altro consigliere regionale che lascia il Pd e approda in Italia Viva di Matteo Renzi. Si tratta del pistoiese Massimo Baldi, 38enne, eletto a Pistoia.

“Aderisco a Italia Viva perché credo che sia il soggetto politico in cui meglio sono rappresentati i miei ideali liberali e riformisti. Mi lancio in questa avventura senza certezze né garanzie, con l'entusiasmo con cui si lavora su qualcosa di nuovo, tutto da costruire e da verificare", scrive Baldi in una nota.

Baldi fa sapere di lasciare il partito di Zingaretti “dopo una lunga e dolorosa riflessione, che mi ha portato a capire una cosa semplice: stavo rimandando questa scelta perché nel Pd ci sono persone a cui voglio bene, che stimo, a cui devo tantissimo".

Ma “non può essere questo, una felicità di relazione o un richiamo della gratitudine, a motivare una scelta di collocazione politica, che deve basarsi su idee, progetti e valori”, aggiunge il neo consigliere di Italia Viva.

“Ho parlato con Renzi e ho avuto conferma di avere davanti il leader politico più lucido e lungimirante del panorama italiano”, aggiunge Baldi, che ha dato la notizia anche con un post su Facebook.

Baldi è il terzo consigliere regionale - in primaverà ci sono le elezioni - ad avere lasciato il Pd per aderire ad Italia Viva nel giro di poco più di due settimane, dopo i casi di Stefano Scaramelli ed Elisabetta Meucci. Oltre a loro è passata ad Italia Viva anche l'assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi.

A livello cittadino, tra gli ultimi approdi nel partito renziano si registrano quelli del consigliere del Quartiere 5 Marco Ricci e dell'ex capogruppo dem in Palazzo Vecchio Angelo Bassi.

In consiglio comunale poi sono diversi gli indiziati che potrebbero seguire l'ex premier, a cominciare dall'ex segretario cittadino Massimiliano Piccioli, dimessosi da poco, per finire con le giovani neo consigliere Letizia Perini (che quest'estate era alla scuola di politica renziana al Ciocco) e Laura Sparavigna.

Tutti e tre, va detto, al momento smentiscono categoricamente. Ma come si può vedere, la scissione a rate che lo stesso sindaco Dario Nardella ha ammesso di temere si sta puntualmente verificando.

Renzi stesso non perde occasione di lisciare il pelo a chi mostri l'intenzione di accasarsi. Nei giorni scorsi indiscrezioni di stampa, seccamente smentite dai diretti interessati, davano come interessati al passaggio nel partito renziano i consiglieri comunali della Lega Andrea Asciuti e Antonio Montelatici.

Entrambi hanno reagito con una nota stizzita smentendo "la falsità". Renzi però, che aveva letto la notizia, ha subito mandato un messaggio WhatsApp a Montelatici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ho sentito che vuoi tornare a casa?", ha scritto l'ex segretario al leghista, che ha gentilmente declinato l'offerta. Almeno per ora. Sicuramente però la scissione non è finita. E allora, a quando la prossima tappa?

La profezia di Nardella: "Scissione a rate? Sì, la temo"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Coronavirus: 3 nuovi casi, 6 decessi. Punto più basso dei ricoverati dal 9 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento