Paolo Omoboni dopo il voto: “Fra cinque anni Borgo sarà moderna, unita è solidale”

E’ stato rieletto al secondo mandato dopo il ballottaggio del 9 giugno

Paolo Omoboni (al centro) con la nuova giunta di Borgo San Lorenzo (foto Facebook)

Come Giovanni Bettarini 10 anni fa, anche Paolo Omoboni per vedersi riconfermato sindaco a Borgo San Lorenzo è dovuto andare al ballottaggio contro Luca Margheri (appoggiato da una lista civica e la Lega).

Al primo turno il sindaco uscente ho ottenuto più del 44% dei consensi, mentre al ballottaggio ha raggiunto poco più del 64%.

In giunta ha nominato anche Carlotta Tai. Già assessore del Comune di Vicchio, ha fatto le primarie contro l’attuale sindaco Carlà Campa.

E' soddisfatto del risultato ottenuto, il Pd ha retto a Borgo San Lorenzo?

“Visto il quadro delle elezioni europee e delle difficoltà locali devo dire che è andata molto bene. Il ballottaggio scontato in questo scenario. Al secondo turno abbiamo riconfermato il risultato del primo turno e non era scontato. Il PD conferma il suo ruolo di partito di maggioranza relativa, ma non è autosufficiente per arrivare al 50% dei voti”.

Qual è la prima cosa che farà nel suo secondo mandato?

“Avviare i progetti per Piazza Vittorio Veneto, Piazza Dante e via Primo Maggio. E proseguire interventi sulle scuole”.

Ci parli di almeno due obiettivi che intende raggiungere nei prossimi 5 anni

“Una rete di vere piste ciclabili e l'adesione alla rete dei comuni rifiuti zero. Ambiente e mobilità dovranno essere due temi prioritari”.

Per quanto riguarda la giunta ha già in mente qualche nome?

“Alla Vice Sindaco e Assessore alla Formazione e Sviluppo Economico Cristina Becchi sono state affidate le deleghe a cultura, istruzione e servizi educativi della prima infanzia, edilizia scolastica, agricoltura, industria, artigianato, commercio, turismo; Assessore allo Sport e all’Ambiente sarà Gabriele Timpanelli con deleghe a Sport, informatica, ambiente ed energie rinnovabili, mobilità e trasporti; Carlotta Tai si occuperà di Servizi alla Persona e Bilancio con deleghe alle politiche socio-sanitarie, ERP, Presidio Ospedaliero del Mugello, bilancio, tributi, patrimonio immobiliare; a Patrizio Baggiani i Lavori Pubblici con specifiche materie quali appunto lavori pubblici, manutenzioni, decoro urbano, gestione aree verdi, frazioni, rapporti con il Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno; Assessore alla Partecipazione e Personale sarà Alessandro Galeotti con deleghe a partecipazione, comunicazione, personale, semplificazione, servizi pubblici locali”.

E’ stata una campagna elettorale dura?

“Una campagna in cui poco è stato discusso sui problemi che interessano le persone e tanto sulla denigrazione del sindaco uscente. Ma adesso la campagna è alle spalle e dobbiamo lavorare ogni giorno per Borgo San Lorenzo”.

Come si immagina Borgo San Lorenzo tra cinque anni?

“La immagino più moderna, più unita e più solidale. Oltre agli investimenti dovremo fare un lavoro per non disperdere i rapporti e la rete di relazioni tra le persone e l'amministrazione. Un territorio unito è fondamentale per lo sviluppo futuro”. 

Ballottaggio a Borgo San Lorenzo: stravince Omoboni

Potrebbe interessarti

  • Laura e Biagio negli stadi: tutte le informazioni sul concerto a Firenze

  • Negrita, la scaletta del concerto a Firenze

  • L'Enigma del Mostro di Firenze in tv

  • Le mostre da non perdere quest'estate a Firenze

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Bilancino: ritrovato il corpo 

  • Famigliola di cinghiali a spasso a Careggi / FOTO

  • Carola Rackete: la Regione Toscana pensa ad un riconoscimento per la capitana della Sea Watch

  • Piazza dell'Isolotto: funerali del giovane Gabriele Vadalà / FOTO - VIDEO

  • Morte di Gabriele Vadalà: la lettera del padre

  • Incidente in zona Torregalli: perde il controllo dell'auto e abbatte un muro / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento