Elezioni comunali 2019 a Scandicci: il M5S sul piano peep di Badia a Settimo

“Oggi insieme al nostro deputato Riccardo Ricciardi - spiega il candidato sindaco M5S Bruno Tallarico - siamo andati in uno dei posti simbolo dello sperpero dei soldi pubblici che è il Piano Peep di Scandicci a Badia a Settimo.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Il deputato M5S Riccardo Ricciardi insieme al candidato sindaco M5S Bruno Tallarico hanno fatto un sopralluogo al Piano Peep di Badia a Settimo. “Oggi insieme al nostro deputato Riccardo Ricciardi - spiega il candidato sindaco M5S Bruno Tallarico - siamo andati in uno dei posti simbolo dello sperpero dei soldi pubblici che è il Piano Peep di Scandicci a Badia a Settimo. Lì c'è una incresciosa vicenda che vede una vendita all'asta di un bene che doveva essere una opera compensativa al comune di Scandicci. Si tratta di un immobile con dentro una scuola per l'infanzia che verrà ceduta all'asta poiché fa parte di un fallimento della Cooperativa Unica. Noi come MoVimento 5 Stelle troviamo alquanto singolare, sicuramente non regolare, la vendita di un bene che è stato costruito con finanziamenti pubblici, e con i soldi dei cittadini scandiccesi, perché quell'opera rappresenta un mancato introito degli oneri di urbanizzazione. Noi come M5S di Scandicci stiamo seguendo questa vicenda da anni, vogliamo vederci chiaro e vorremmo che le autorità vigilassero su tutta l'operazione: sul fallimento, sulle procedure di liquidazione della Cooperativa Unica che ha combinato tanti disastri a Scandicci”.

In merito al sopralluogo il parlamentare Pentastellato Riccardo Ricciardi sottolinea: “A Scandicci con il candidato sindaco Bruno Tallarico abbiamo fatto un sopralluogo in un complesso di case costruito con una operazione immobiliare urbanistica dove noi vigileremo, soprattutto riguardo all'operato delle cooperative e all'operato dell'Amministrazione, e vigileremo a livello istituzionale, e riteniamo che dovrà essere il Comune a portare avanti questi atti. Sarà fondamentale vincerlo questo comune - incalza Ricciardi - per poter fare chiarezza e far luce su una vicenda che lascia abbastanza perplessi. Noi cercheremo di ampliare tutto quello che è il discorso relativo al sistema di cooperative che in Regione Toscana fa da padrone”.

I più letti
Torna su
FirenzeToday è in caricamento