Elezioni, ballottaggi: il centrosinistra vince le città più importanti, 'en plein' in provincia di Firenze

Era l'ultimo appuntamento elettorale prima delle regionali del prossimo anno: a sinistra Prato e Livorno, Piombino va a destra

Matteo Biffoni e Luca Salvetti

La Lega in Toscana ai ballottaggi non sfonda, tutt'altro, nonostante gli entusiasmi del Carroccio dopo i risultati delle elezioni europee di due settimane fa, quando si votava per le elezioni europee e per il primo turno delle amministrative: in quell'occasione gli 'ex padani' in Toscana furono il secondo partito, staccato di soli due punti dal Pd.

Ieri, domenica 9 giugno, si è tornati a votare per i ballottaggi. Gli appuntamenti più importanti, anche in vista delle regionali del prossimo anno, erano sicuramente quelli di Prato e Livorno. In entrambi i casi si è imposto il centrosinistra.

Ballottaggi in Toscana: risultati a Prato e Livorno

A Prato è stato riconfermato il sindaco del Pd Matteo Biffoni, vittorioso sul leghista Daniele Spada: 56,1% contro 43,9%. A Livorno vittoria per Luca Salvetti (Pd e liste civiche), che di fatto 'doppia' il candidato del centrodestra e riconquista la città labronica dopo i cinque anni del 5 Stelle Filippo Nogarin: 63,3% per Salvetti contro il 36,7% del candidato di centrodestra Andrea Romiti.

I risultati dei ballottaggi in provincia di Firenze

Erano poi tre i comuni al ballottaggio in provincia di Firenze. In tutti e tre i casi vincono i sindaci del centrosinistra: a Borgo San Lorenzo viene riconfermato Paolo Omboni (Pd e altri) col 64,1% (il candidato della Lega Luca Margheri si ferma al 35,99%), a Figline Incisa Valdarno vince Giulia Mugnai (Pd e altri) con il 51,45% (lo sfidante Silvio Pittori, appoggiato da Lega e FI ha preso il 48,55%) e a Signa si impone Giampiero Fossi con il 65,71% (il candidato del centrodestra Vincenzo De Franco si ferma al 34,29%).

Fuori della provincia di Firenze, tra i risultati più significativi la netta vittoria del centrodestra, per la prima volta dal dopoguerra, a Piombino: nella città delle acciaierie per il centrodestra si impone con Francesco Ferrari, che con il 64,27% quasi doppia la candidata del centrosinistra Anna Tempestini (35,73%).

In bilico fino all'ultimo, nel Pisano, era Pontedera, città industriale da sempre schierata a sinistra, e dove tra le altre cose in passato è stato sindaco l'attuale presidente della Regione Enrico Rossi: vince il candidato di centrosinistra Matteo Franconi (Pd più altri) con il 51,62%, mentre il centrodestra con Matteo Bagnoli si ferma al 48,38%.

Verso le elezioni regionali del 2020

I risultati più attesi, come detto, riguardavano Prato e Livorno, la seconda e la terza città della Toscana per numero di abitanti.

Le nette vittorie del centrosinistra, dopo la facile vittoria di Dario Nardella due settimane fa a Firenze, rappresentano per Pd e alleati una 'rivincita' rispetto alle amministrative del 2018 (quando la destra conquistò Pisa, Siena e Massa).

I risultati inoltre rinvigoriscono fortemente il centrosinistra, anche considerate le vittorie nella grandissima maggioranza dei comuni toscani tornati al voto ieri (14, con soli 3 comuni andati al centro-destra) in vista delle regionali della primavera del 2020.

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Spioncino digitale: ecco come funziona e perchè sceglierlo

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

I più letti della settimana

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Incidente in montagna sulle Dolomiti: muore escursionista fiorentino

  • Incidente in Viale Redi: precipita nel Mugnone / FOTO - VIDEO

  • Terremoto: nuova scossa, la terra trema ancora

  • Meteo Firenze: allerta per pioggia e temporali

  • Terremoto a Forlì Cesena: la scossa sentita anche in provincia di Firenze

Torna su
FirenzeToday è in caricamento