Tutto il centrodestra chiude la campagna elettorale in Piazza della Repubblica / FOTO

Almeno 200 persone alle Giubbe Rosse. Tutti d'accordo: "Il nostro obiettivo è guidare Firenze tra un anno"

Almeno duecento persone questo pomeriggio hanno sfidato la pioggia per partecipare all'iniziatia conclusiva della campagna elettorale del centrodestra alle Giubbe Rosse in Piazza della Repubblica a Firenze. Presenti esponenti di Forza Italia, Fratelli d'Italia, Lega e Noi con l'Italia - Udc. "Lunedì torniamo a governare, siamo l'uniche forze politiche in grado di farlo" e poi "Noi siamo uniti nonostante gli avversari dicano che non è così. Il nostro obiettivo è conquistare Firenze il prossimo anno", ne sono convinti tutti i rappresentanti politici che hanno animato il dehors del celebre locale fiorentino. 

Applauditissimo il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Francesco Torselli quando ha attaccato il giglio magico. "Il nostro sindaco si preoccupa solo di dare i pass alla moglie di Matteo Renzi", ha detto. Calorosa accoglienza anche per Letizia Giorgianni, la candidata del centrodestra (esponente di Fratelli d'Italia) alla Camera nel collegio uninominale di Firenze-Peretola-Novoli. E' presidente dell'associazione delle vittime del salva-banche. "In molti mi hanno detto che non vanno a votare perché siamo tutti uguali - ha detto - questa frase non è vera e ci toglie dalla responsabilità, dalla responsabilità più grande di mandare a casa chi ci ha governato finora. Se due anni fa avessi detto tanto non cambia nulla, tanti risparmiatori non avrebbero riacquisiti i loro diritti". Avrebbe voluto sfidare Maria Elena Boschi ma la sottosegretaria è stata candidata a Bolzano. "Non l'ho stalkerizzata ma l'ho seguita fin lì. Avrei voluto che lei mi affrontase guardandomi negli occhi e dicendomi che quel decreto era ingiusto".

Piccolo sketch tra Stefano Mugnai e Giovanni Donzelli. Il consigliere regionale di Forza Italia per una sera ha abbandonato il suo solito aplomb e si è avvolto in una bandiera, credeva che fosse di Forza Italia invece Donzelli gli aveva dato quella di Fratelli d'Italia. "Matteo Renzi ha fatto in due anni quello che noi non siamo rusciti a fare in 70 anni: ha distrutto l'apparato di potere rosso in Toscana", ha detto Mugnai. Assente il professor Bagnai che sfiderà Matteo Renzi all'uninominale fiorentino, ha parlato a nome della Lega il consigliere regionale Manuel Vescovi. "Chiedo un applauso ai candidati e a tutti coloro che hanno sostenuto questa causa - ha detto Vescovi che martedì scorso ha accompagno Matteo Salvini nella sua tappa fiorentina -. Noi diciamo cose di buonsenso e normali, poi vediamo il Pd in regione e pensano a come portare più immigrati in Italiai. In modo molto semplice diciamo di pensare prima agli italiani. Mi chiedo come fanno gli italiani a votare gli altri. Il 4 marzo li mandiamo tutti a casa"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isolotto: il portellone si apre e la bara finisce in strada

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • Maltempo: rischio nevicate in città

  • Terremoto Firenze: danni in Mugello, oltre 200 cittadini fuori casa

  • Terremoto in Mugello, al lavoro per identificare la faglia: "Sciame sismico prosegue"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento