Parte il consiglio comunale: eletto presidente Luca Milani / FOTO

Tanti volti nuovi nel Salone dei Dugento, i vicepresidenti saranno Federica Giuliani e Emanuele Cocollini

Luca Milani, il nuovo presidente del consiglio comunale

Prima seduta del consiglio comunale questo pomeriggio nel Salone dei Dugento. Il clima, come dicevano in molti scherzando, era un po' quello del 'primo giorno di scuola'. Del resto tra i 36 consiglieri eletti ci sono molti volti nuovi, a cominciare da quelli del gruppo della Lega: ben 5 su 6 entravano oggi per la prima volta (tutti ad eccezione del tassista Luca Tani, che nello scorso consiglio era in Forza Italia).

Leghisti che, dopo le elezioni comunali dello scorso 26 maggio, entrano in forze a Palazzo Vecchio per la prima volta (a parte la parentesi di Mario Razzanelli, che qualche anno fa come consigliere ne fece parte, quando ancora il Carroccio era anche 'Nord'. Razzanelli per la cronaca ora è in consiglio per Forza Italia).

Ma sono tutti volti nuovi anche nella sinistra (Antonella Bundu e Dmitrij Palagi, col nuovo gruppo 'Sinistra progetto comune'), nel Movimento 5 Stelle (che nel 2014 aveva eletto tre donne ed ora porta in consiglio Roberto De Blasi e Lorenzo Masi), e anche nello stesso Pd, a cominciare dalla 26enne 'consigliera anziana' Letizia Perini (in realtà è tra i più giovani ma si definisce così in quanto l'eletta con più preferenze personali a parte coloro che sono decaduti da consiglieri in quanto nominati assessori). Perini, 26enne, ha aperto l'assise fino all'elezione del presidente del consiglio comunale.

Ad essere eletto, alla terza votazione, con 23 voti a scrutinio segreto (sostenuto dai 19 del Pd, dai 3 della Lista Nardella e dallo stesso sindaco che partecipa alle votazioni) è stato Luca Milani, al secondo mandato, eletto nel Pd (nel 2014 era entrato in consiglio con la Lista Nardella).

Il Pd ha trovato la quadra sul suo nome (uno 'zingarettiano', metalmeccanico, sindacalista Fiom nella rsu alla Leonardo-Finmeccanica) dopo giorni di divisioni e scontri all'interno dello stesso gruppo dei dem (capogruppo Pd sarà invece Nicola Armentano con due vice, la stessa Perini e Benedetta Albanese).

Milani, appena eletto, ha ricordato le recenti scomparse del regista Franco Zeffirelli e della partigiana Liliana Benvenuti, ma ha voluto ricordare anche Lorenzo Orsetti, il giovane ucciso in Siria in marzo combattendo contro l'Isis e che lunedì sarà sepolto al cimitero delle Porte Sante di San Miniato.

“Io sono un metalmeccanico. La mia formazione umana e politica nasce nelle fabbriche, come lavoratore e delegato sindacale. Sono convinto che solo il lavoro sia la leva per promuovere la dignità umana e il riscatto sociale, l'inclusione e la partecipazione attiva nella società'”, le prime parole del nuovo presidente del consiglio comunale, che poi ha invocato, per quanto possibile anche a livello comunale “una necessaria redistribuzione della ricchezza, ora accentrata in poche mani”.

Vicepresidenti del consiglio sono stati eletti la Pd Maria Federica Giuliani e il 29enne neo-eletto della Lega Emanuele Cocollini. Critiche con il Pd tutte le opposizioni, per non essere state consultate dal Pd (che fino alle ultime ore era diviso al proprio interno sul nome da votare) nella scelta del presidente dell'assise.

Dal canto suo Ubaldo Bocci sarà il coordinatore del centrodestra unito, ma per il momento dovrà iscriversi al gruppo misto, in attesa di modifiche al regolamento che gli consentano di costituire un proprio gruppo da chiamare 'Ora Firenze'.

“Sarà un'opposizione bella, forte, dura, leale, di grande rispetto e di grande fermezza. Si fa opposizione alle idee e ai principi ma nel rispetto delle persone, non voglio una politica urlata ma per cambiare le cose che non vanno”, dice Bocci.

Nardella approva. “Apprezzo le prime parole del leader dell'opposizione, io manterrò lo stile che ho sempre avuto, di essere non solo una figura politica ma anche istituzionale, mi sento di rappresentare tutta la città. Mi confronterò con consiglio e opposizioni come sempre con trasparenza, con l'unico desiderio di onorare le istituzioni agli occhi dei cittadini”, dice il sindaco.

“Il primo impegno sarà quello per dotare del teaser la polizia municipale”, dice invece Federico Bussolin, candidato a fare il capogruppo per la Lega. Antonella Bundu della sinistra ha salutato i ragazzi del 'Fridays for Future', presenti nel pubblico dopo che anche oggi erano stati in piazza per chiedere più rispetto per l'ambiente.

“Saremo un'opposizione forte, non solo di 'controllo' ma costruttiva, portando avanti le nostre porposte”, ha detto Bundu. “Vogliamo collaborare sia con l'opposizione che con la maggioranza, portando avanti i nostri punti programmatici”, le parole invece del 5 Stelle De Blasi. Oggi toni bassi da parte di tutti dunque, dalla prossima si dovrebbe iniziare a far sul serio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Via de'Pucci: chiuso lo Shot Cafè

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Crac Costruzioni Margheri: sette condanne per bancarotta

  • Carceri: sesso per i detenuti, chiesto intervento della Regione  

  • San Jacopino: allarme bomba / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento