Clamorosa fake news: capogruppo Pd scambiato per operaio del padre Di Maio

Sui social Leonardo Marras è stato confuso con l’uomo che ha denunciato il padre del vicepremier in un'intervista a Le Iene

Il fotomontaggio diffuso dal profilo Facebook 'MoVimento 5 Stelle notizie"

Ieri il capogruppo del Pd in consiglio regionale Leonardo Marras, per un paio di ore è stato scambiato per l’operaio che in un servizio de Le Iene ha denunciato di lavorare a nero per il padre del vicepremier Luigi Di Maio.  Marras ha quindi ricevuti attacchi sui suoi social network. Probabilmente qualcuno ha fatto una errata associazione e, prima di controllare se Marras fosse effettivamente l’operaio intervistato dalla trasmissione Mediaset, ha diffuso la notizia sui social.

“Quel Salvatore Pizzo che ha denunciato a Le Iene di aver lavorato in nero per l’azienda del padre di Luigi Di Maio - si legge nel post - in realtà, è stato candidato per il Pd nel 2014”.  Ed è stata diffusa la foto di Marras durante una iniziativa del Pd. In realtà il capogruppo dem non assomiglia (né per età, né per costituzione, né per tratti somatici) all’operaio Pizzo.

"Quanto ci vuole per finire nella macchina del fango dei moralisti da tastiera? Giusto il tempo di fare una grafica con informazioni false - ha fatto sapere Marras -. Una delle tante pagine fake nate solo per aizzare il ''popolo del web'' mi ha scambiato per l'operaio protagonista del servizio de Le Iene che dice di aver lavorato in nero per il padre del ministro Di Maio: hanno costruito un post prendendo un'immagine di febbraio 2018 e scrivendo falsità".

La foto è stata diffusa dal profilo Facebook “MoVimento 5 Stelle notizie” e non è stata ancora rimossa.

marras 2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il M5s toscano ha espresso piena solidarietà al democratico. Inoltre ha avviato una procedura interna per risalire all’autore della clamorosa bufala. “Lo abbiamo segnalato ai vertici - ha fatto sapere il movimento in una nota - questo utilizzo improprio del nostro simbolo non è accettabile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Toscana 35 nuovi casi: il doppio rispetto a ieri. I decessi sono 5, di cui 4 nel Fiorentino

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Femminicidio a Cuneo: fermato un ex militare fiorentino

  • Coronavirus Toscana: "La grande truffa delle sanificazioni"

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Paura Isolotto: ambulanza esce di strada e finisce contro una vetrina / FOTO 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento