Cittadinanza italiana alla vedova di Samb Modou

Il marito fu ucciso in Piazza Dalmazia il 13 dicembre 2011 

Ieri è stata consegnata la cittadinanza italiana a Ndeye Rokhaya Mbendue, vedova del cittadino senegalese Samb Modou, ucciso in piazza Dalmazia nel 2011 da Gianluca Casseri, simpatizzante di CasaPound. L’attestato è stato consegnato dal prefetto Alessio Giuffrida unitamente all’assessore della Regione Toscana Federica Fratoni e all’assessore del Comune di Firenze Sara Funaro.

“Qui a Firenze è ancora vivo il ricordo del 13 dicembre 2011 – ha dichiarato il prefetto Giuffrida - quando un folle ha ucciso Samb Modou. Con la concessione della cittadinanza, lo Stato italiano intende testimoniare solidarietà verso la signora, anche in segno tangibile di integrazione. Samb Modou era venuto in cerca di un lavoro e di un futuro migliore per sé e per la sua famiglia. Il nostro Paese afferma così la volontà di inclusione verso lo straniero che giunge in pace e pieno di speranza, consentendo alla sua vedova di partecipare a pieno titolo ad ogni aspetto della vita civile, sociale, culturale ed economica dello Stato che l’ha accolta.”

“Oggi – ha sottolineato l’assessore Sara Funaro – riconosciamo quanto ci è già chiaro da sempre: Ndeye Rokhaya Mbendue è una nostra sorella. Negli occhi e nel cuore lei porta ancora il ricordo di quel terribile giorno quando, per mano di un folle razzista, fu privata del marito e del sogno di una vita migliore. Firenze in questi anni l’ha supportata grazie all’assessorato al welfare e alla Caritas. Oggi la accoglie con calore e con calore si stringe, come ogni anno, alla numerosa comunità senegalese colpita da quel lutto. Noi non dimentichiamo: Firenze ripugna ogni ideologia razzista e nazifascista e non si stancherà di lavorare sull’educazione e sulla cultura per estirpare ogni razzismo e ogni violenza dalla nostra società”.

Samb Modou fu ucciso, insieme al connazionale Diop Mor, al mercato rionale di Piazza Dalmazia a Firenze il 13 dicembre 2011, da Gianluca Casseri che aveva sparato contro alcuni venditori ambulanti senegalesi. Ai colpi sopravvisse Moustapha Dieng che trascorse molti mesi ricoverato all’Unità Spinale di Careggi e rimase tetraplegico a causa delle lesioni riportate. Fuggito in auto dal luogo dell’omicidio, Casseri riuscì ad arrivare al mercato di San Lorenzo dove ferì altri due senegalesi, Mor Sougou e Cheikh Mbengue, prima di suicidarsi nel parcheggio sotterraneo dello stesso mercato.

Il tragico evento colpì moltissimo tutta la città ed ebbe vasta eco a livello nazionale e internazionale. Ai tre senegalesi rimasti feriti è stata conferita la cittadinanza italiana per meriti speciali, consegnata in occasione della Festa della Repubblica il 2 giugno 2013.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Campo di Marte: spunta un'altra casa della droga, dentro 'tesoretto' di 22mila euro in contanti

  • Cronaca

    Lungarno Acciaiuoli: cade un pezzo di cornicione

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Reginaldo Giuliani: grave 18enne

  • Cronaca

    Urla e vandalismo in via Tornabuoni: denunciato 33enne

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Autostrada A1: incidente tra mezzi pesanti, un morto

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

  • Lite al ristorante degenera: cuoco finisce all'ospedale

Torna su
FirenzeToday è in caricamento