Primarie di Sel in Toscana: è polemica sul listino 'blindato' al Senato

La direzione di Sel ha approvato l'elenco di coloro che andranno a sedere in Camera e Senato. Rimangono fuori Ulivieri e Petraglia pur con le maggioranza delle preferenze alle primarie

La direzione nazionale di Sinistra Ecologia Libertà ha approvato l'elenco nominativo che andrà a costituire le teste di lista dei candidati per le prossime elezioni politiche, tenendo conto delle candidature espresse dalle primarie del 29 e 30 dicembre scorso. L'elenco definitivo delle candidature sarà reso noto nei prossimi giorni, Nichi Vendola sarà capolista in alcune circoscrizioni dove verrà ritenuto necessario o utile. Il leader di Sel, comunque, opterà per la Puglia. 

TOSCANA - Non mancano però i malumori per le liste toscane al Senato. La giornalista Alessia Petraglia e l'ex allenatore Renzo Ulivieri pur avendo ottenuto il primo e secondo posto tra le preferenze degli elettori sono stati collocati nel listino al terzo e quarto posto: Ulivieri alle primarie aveva ottenuto 2.122 voti subito dietro alla ex consigliera regionale toscana (2.325 voti). Considerato che secondo i sondaggi Sel in Toscana dovrebbe aggiudicarsi uno, al massimo due seggi, in pratica risultano fuori entrambi.

Scoppia quindi un caso toscana per la decisione romana di inserire due candidati 'paracadutati': Pape Diew e Ida Dominjanni. Una scelta che rischierebbe di vanificare l'esito della consultazione del 29 dicembre scorso.

''Auspico – ha spiegato  il segretario provinciale pisano di Sel, Dario Danti - una decisione collegiale del gruppo dirigente toscano capace di salvare l'esito dell'espressione del voto dei cittadini. Nessuno vuole mettere in discussione che ci sia una designazione di persone da parte del gruppo dirigente nazionale di Sel, ma cio' deve avvenire dentro un contesto generale che tenga conto del risultato delle primarie''.   CASO ULIVIERI

GRASSI - A Danti fa eco Tommaso Grassi, rappresentante di Sel nel Consiglio comunale di Palazzo Vecchio, che rincara la dose via facebook: "Ora capisco perchè dal nazionale ci era stato detto alle primarie di far firmare che chi partecipava si impegnava a votare SEL anche alle elezioni ... sapevano già cosa avrebbero fatto il giorno dopo: ignorato l'esito delle primarie e fatto come volevano ... Non è accettabile che chi prende più voti stia fuori dal Senato ... ogni riferimento ad Alessia Petraglia e alla situazione che si è creata in Toscana è fortemente voluta ! Chi lo dice alla gente che alle elezioni, se si raccoglieranno le firme e ci presenteremo. si voterà altro rispetto a quello che si è scelto con le primarie ?!?".

POSSIBILI SEGGI
Camera Chi sono 2/3
Martina Nardi vicesindaco di Massa
Marisa Nicchi ex parlamentare  
Gabriele Berni Assessore provinciale all’ambiente a Siena
Farihia Aidid Mediatrice culturale
Senato Chi sono 1/2
Pape Diew

ex consigliere comunale e esponente comunità senegalese di Firenze

Ida Dominjanni giornalista del Manifesto (candidata in Calabria)
Alessia Petraglia giornalista (prima in Toscana terza nel listino)
Renzo Ulivieri  ex allenatore (secondo per preferenze finito quarto nel listino) presidente   dell’Associazione allenatori.

 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: stop ai voli, rinvio per le discoteche

  • Mick Jagger si trasferisce in Toscana: "E' innamorato, forse rimane"

  • I borghi più belli della Toscana da visitare assolutamente

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento