Reddito di inclusione: a chi spetta e come fare la domanda

Il pagamento del mese di febbraio è subordinato al rinnovo dell’ISEE

 
Per i beneficiari del Rei,  il pagamento del mese di febbraio, è subordinato al rinnovo dell’ISEE entro il 15 febbraio 2019.  Il reddito di Inclusione è un provvedimento che andrà a sostituire la SIA e l'assegno di disoccupazione (ASDI). Si tratta di un beneficio economico mensile che avrà un importo in rapporto alle dimensioni del nucleo familiare e altre variabili. E' condizionato alla sottoscrizione di un progetto personalizzato ed alle successive verifiche programmate.

REQUISITI

A partire dal 1 giugno 2018 sarà erogato ai nuclei familiari in possesso dei seguenti requisiti:

  •   un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6 mila euro
  •   un valore ISRE ai fini REI (l'indicatore reddituale dell'ISEE diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3 mila euro
  •   un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20 mila euro
  •  un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti, etc.) non superiore a 10 mila euro (ridotto a 8 mila euro per due persone e a 6 mila euro per la persona sola)

 
Per accedere al REI è, inoltre, necessario che ciascun componente il nucleo:

  • non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l'impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria
  •   non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità)
  • non possieda imbarcazioni da diporto

 
Tutti i requisiti devono essere posseduti per l'intera durata del benficio (18 mesi). La variazione del nucleo familiare deve essere comunicata entro 2 mesi, a pena decadenza.
La fruizione del beneficio è compatibile con lo svolgimento di attività lavorativa da parte di uno o più componenti del nucleo. In caso di variazione della situazione lavorativa, a pena decadenza, è necessario comunicare all'INPS entro 30 giorni il reddito annuo previsto.

ITER 

L'Ufficio Amministrativo inoltra entro 15 giorni lavorativi la domanda all'INPS che nei successivi 5 giorni verifica la richiesta e riconosce il beneficio condizionatamente all'accettazione del Progetto personalizzato. Successivamente alla sottoscrizione del Progetto da parte di tutti i componenti del nucleo familiare l'INPS inizia ad erogare il beneficio su base mensile. L'accredito avverrà su apposita carta di pagamento con possibilità di prelevare contante. Se i componenti dei nuclei familiari non sottoscrivono il Progetto, ne violano ripetutamente gli obblighi o assumono frequentemente comportamenti inconciliabili con gli obiettivi, possono essere disposte delle sanzioni fino alla revoca del beneficio.

INFORMAZIONI

Maggiori informazioni possono essere richieste presso gli Uffici Amministrativi dei Centri Sociali e presso lo Sportello Immigrazione via Baracca 150/P (Villa Pallini) tel. 055.2767078


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto durante il fermo, Ilaria Cucchi: "So come va a finire"

  • Attualità

    Piazza della Libertà: apre il caffè Lietta | FOTO

  • Cronaca

    Impruneta: auto in fiamme nel parcheggio della Coop

  • Cronaca

    Morto durante un fermo di polizia a Empoli, Salvini: “Sostegno ai poliziotti”

I più letti della settimana

  • Piazza Giorgini: chiude lo storico forno-pasticceria, festa per la 'Gianna' / FOTO

  • Neve in arrivo

  • Incidenti stradali, auto contro autobus: diversi feriti

  • Delirio in via de' Benci: prende a testate una vetrata e aggredisce i carabinieri / FOTO - VIDEO

  • Trasporti: in arrivo sciopero

  • Mega centro benessere al posto dello storico Teatro Nazionale

Torna su
FirenzeToday è in caricamento