10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

Tra storia e leggenda, ecco le origini delle espressioni fiorentine più curiose che potreste sentire nel capoluogo toscano

3) "Essere / finire col culo per terra"

Un'espressione comune anche in italiano, ma che ha origini tutte fiorentine, legate in particolare alla “pietra dello scandalo o dell’acculata”: una pietra di forma rotonda e bicolore, che si trova al centro della loggia del Porcellino all’incrocio tra via Calimala e via Porta Rossa.

Questa pietra riproduce a grandezza naturale una delle ruote del Carroccio, simbolo della Repubblica fiorentina, sul quale veniva issato il gonfalone della città. Sulla pietra veniva fatto posizionare il Carroccio introno a cui le truppe fiorentine si riunivano prima di partire per una battaglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La pietra, però, aveva anche un'altra funzione: era il punto in cui venivano puniti i debitori morosi nella Firenze rinascimentale. La punizione consisteva nell'incatenare i "condannati" e una volta “calate le braghe” ne venivano battute le natiche ripetutamente sulla pietra, secondo l'acculata. Da questa usanza umiliante potrebbero essere nati modi di dire popolari come "essere con il culo a terra" e, forse, l'espressione "sculo", inteso come sfortuna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fare la spesa in Toscana al tempo del Covid-19: ecco cosa cambia

  • Coronavirus: dipendente Esselunga risultato positivo al Covid-19

  • Bambini mezz'ora a spasso, Prato contro Firenze: "Allucinante, vi siete accorti che c'è una pandemia?"

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: il quartiere è deserto e una famiglia di anatre arriva fino alla farmacia

  • Coronavirus: fase acuta dell'emergenza, i casi nel Fiorentino 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento