Freddo: porte aperte agli animali da compagnia al centro di accoglienza Slataper

Il centro che aiuta le persone in difficoltà e i loro cani

Per la terza volta, il centro di accoglienza Slataper - struttura gestita dalla cooperativa Il Girasole, aderente al Consorzio Co&So - apre le sue porte anche agli animali da compagnia delle persone in condizioni di precarietà economica e abitativa.

Blanco è la mascotte del centro e insieme ai cagnolini, Stella, Lilli e ai suoi due cuccioli, rallegrano la vita del centro. Quest'estate è venuta a mancare una signora storica che era accolta a Slataper e la sua canina Lulù è stata adottata da un'altro ospite che si è preso cura di lei, fino alla fine dei suoi giorni. Finalmente Asia con la sua padrona, presenti fino a qualche mese fa, hanno trovato una nuova sistemazione.

“Spesso le persone non accettano l’aiuto perché le strutture non consentono di ospitare animali, noi abbiamo deciso di eliminare questa restrizione e dopo 3 anni possiamo dire di aver fatto la scelta giusta”, commentano gli operatori del centro di via Slataper. In questo momento sono tre le persone accompagnate dai loro inseparabili amici animali nella struttura che può ospitare fino a 46 persone, italiane e straniere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il cane diventa anche uno strumento di relazione tra le persone che vivono nel nostro “laboratorio sociale”, rallegra la vita del centro e la condivisione degli spazi - continuano gli operatori - Se ad esempio il padrone o la padrone deve assentarsi, il cane viene tranquillamente accudito dagli altri ospiti. Ovviamente abbiamo delle regole a cui tutti i padroni di animali devono attenersi”. Esiste un regolamento che spiega infatti a quali condizioni gli animali possono essere ospitati: devono ovviamente essere vaccinati e avere il microchip che li identifica. Inoltre, per ragioni di sicurezza, non possono essere ospitati cani che rientrano nella lista delle razze pericolose e sono di taglia medio-grande e grande. È responsabilità dei proprietari che i cani non abbaino e non sporchino e in caso di trasgressione gli operatori prenderanno provvedimenti. “Le regole sono essenziali per consentire una convivenza civile e rispettosa degli spazi altrui - concludono gli operatori - Solo così possiamo aiutare le persone che vivono nel centro a costruire tra loro relazioni serene”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Coronavirus: 3 nuovi casi, 6 decessi. Punto più basso dei ricoverati dal 9 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento