Ecopony: 100 chili di consegne al giorno con zero inquinamento / FOTO

Gli ideatori: "Noi non sfruttiamo i 'biker'. Dateci piste ciclabili ed aree davvero pedonali, in giro concorrenza sleale"

Giacomo Flavi

Pedalano tra i 20 e i 50 chilometri al giorno, consegnando pacchi, lettere e quant'altro in ogni angolo della città. Sono i 'corrieri' di Ecopony, cooperativa nata nel 2011, all'epoca tra le prime che consegnava in bici e in continua espansione.

“All'inizio è stata dura, poi abbiamo preso piede. Un dato su tutti? Il fatturato tra il 2016 e il 2017 è aumentato quasi del 50%”, dice Giancarlo Brunelli, che lanciò la cooperativa nel 2011, per poi fondare nel 2013 Ciclica.cc, società di comunicazione e marketing per la promozione di eventi che ruotano attorno al mondo della bicicletta e del turismo sostenibile.

La gestione di fatto di Ecopony è ora in mano al 38enne Giacomo Flavi. “Distribuiamo e consegnamo diversi generi di prodotto, dai giornali free press ai fiori, dai volantini agli atti degli avvocati”, dice Giacomo, di fronte alla sede di piazza Ravenna, in uno spazio di co-working diviso con altri professionisti, tra piante e cartelli che omaggiano la via Francigena in bicicletta.

“E' difficile una stima del numero di consegne, perché un conto è la distribuzione concordata in biblioteche e spazi vari, come nel caso dei giornali free-press, dei quali ne distribuiamo anche 25mila copie al mese, un altro sono le consegne singole”, spiega il 38enne.

Oggi non sono certo gli unici a consegnare in bicicletta. Le loro tariffe partono dai 4 euro: “Noi siano una cooperativa, radicata nel territorio. Non sfruttiamo i corrieri per pochi euro all'ora. I soci, come me, si occupano dell'organizzazione di tutto ma sono poi impegnati in prima persona nella consegna (in tutto nella cooperativa lavorano oggi 7 persone, ndr). Offriamo un servizio di qualità, indipendente dalle condizioni di traffico e molto flessibile, naturalmente ad inquinamento zero”.

Al momento sono tre le 'cargo-bike' utilizzate, che possono portare, compreso il peso del conducente, fino a 180 kg. Significa oltre 100 kg di pacchi. Tra le novità ci sono le consegne di pacchi di cibo biologico. “Sono prodotti della cooperativa Il Ceppo di Campi Bisenzio, ogni settimana li distribuiamo a circa 25 famiglie. Ma consegnamo anche la spesa di numerosi negozi di cibo bio”.

Un lavoro che cresce. “Infatti cerchiamo persone che lavorino con noi (scrivere a info@ecopony.it, ndr) - prosegue Giacomo -. Non semplici 'riders', ma qualcuno che abbia voglia di diventare socio, credere nel progetto e investirci tempo e fatica”.

Lavorare in bici a Firenze com'è? “Per le dimensioni, una piccola città è ideale. Certo le condizioni delle piste ciclabili potrebbero migliorare e le zone 'pedonali' spesso sono invase di mezzi e furgoni. Vorremmo norme un po' più restrittive. Un'altra piaga - conclude -, è il lavoro nero nel settore di consegne e volantinaggio. Lo constatiamo tutti i giorni, è un grosso danno perché abbassa i costi del servizio con concorrenza sleale”.

Potrebbe interessarti

  • L'Enigma del Mostro di Firenze in tv

  • Le mostre da non perdere quest'estate a Firenze

  • Mine vaganti in tv per ricordare Ilaria Occhini

  • Tea tree oil, gli usi per la cura del corpo e della casa

I più letti della settimana

  • Ragazza muore travolta dal treno 

  • Incidente sulla superstrada: traffico bloccato in FiPiLi / FOTO

  • Incendio: una colonna di fumo nero sulla città / FOTO

  • Da Renzi a Carlo Conti: tutti pazzi per Face App, il trucco per invecchiare

  • Firenze Cashless: il biglietto Ataf si compra con la carta sui bus

  • Trasporti: autobus e tramvia a rischio per lo sciopero

Torna su
FirenzeToday è in caricamento