Scandicci, nasce il marchio “Bisbag”: borse dagli scarti

Si è concluso il laboratorio di pelletteria presso l'impresa scandiccese Bittini

Si è concluso venerdì il laboratorio di pelletteria artigiana, frutto di un percorso di collaborazione tra lo Ied - Istituto Europeo di Design Firenze e Cna Firenze. L’iniziativa ha visto protagonisti quattordici ragazzi e la Pelletteria Bittini, associata Cna Firenze, un esempio di integrazione tra scuola e lavoro, artigianato e design. I giovani hanno svolto quindici lezioni per un totale di 60 ore direttamente presso la pelletteria di Scandicci, seguiti da Simone Bittini e Simona Innocenti, pellettieri scandiccesi particolarmente attenti all’etica e alla sostenibilità dell’impresa, per l’occasione in veste straordinaria di “docenti”.

L’ultimo esame sostenuto dagli studenti è stato quello di Modellistica 2- modulo borse, inserito nel programma del secondo anno del corso triennale in “Fashion design shoes & accessories” dello Ied di Firenze. I ragazzi in questo percorso di studi hanno avuto anche modo di creare il marchio “Bisbag”, brand che ha dato vita a oggetti e borse in pelle realizzati a mano con gli scarti della pelle, nell’ottica della valorizzazione del made in Italy, con attenzione alla diversità e sostenibilità di prodotto.