Edilizia: stop cemento, arrivano case di paglia e lampade di barbabietola

Tre incontri a Firenze sull'edilizia 100% ecosotenibile. Architetti e agronomi: "E' il futuro"

Niente cemento o calcestruzzo. I mattoni per le case sono realizzati con la canapa, al posto dell'acciaio c'è il bamboo. La vetroresina è sostituita dai derivati del carciofo, mentre gli imballaggi e i pannelli isolanti sono creati con i funghi. Le lampade o le sedie sono invece di plastica biodegradabile, ottenuta dalle barbabietole o dal mais.

Sono un'edilizia e un design al 100% eco-sostenibili e biocompatibili quelli al centro di Agritettura – Nutrire il cantiere, l'iniziativa organizzata dalla Commissione DAS (Dibattito architettura sostenibile) dell'Ordine degli architetti di Firenze e dall'Ordine provinciale dei dottori agronomi e forestali, in programma alla Palazzina Reale di Santa Maria Novella i prossimi 5 e 26 maggio a partire dalle 14. Due giornate di studio a confronto con startup, aziende, docenti universitari, ricercatori ed esperti del settore in arrivo dalla Toscana e non solo, per fare il punto sull'impiego dei nuovi materiali per le costruzioni e l'arredamento provenienti dall'agricoltura.

Agli incontri, aperti al pubblico e strutturati in tavole rotonde e relazioni frontali, parteciperanno ad esempio Pierluigi Santoro, Antonio Di Giovanni e Vincenzo Sangiovanni di Funghi Espresso, giovane startup con sede a Firenze che ha iniziato la sua attività coltivando funghi dai fondi di caffè e che ad Agritettura presenterà un innovativo pannello ignifugo ottenuto dal micelio. Presenti, tra gli altri, anche il presidente di Toscanapa Cesare Tofani che illustrerà lo stato attuale della filiera produttiva della canapa nella nostra regione e il suo utilizzo in edilizia, ed esperti dell'impiego delle balle di paglia da costruzione. Poi l'imprenditrice sarda Daniela Ducato di Edilana, una delle pioniere dell'abitare “senza petrolio” che l'ha vista realizzare, tra i primi in Italia, prodotti per l'edilizia ad alta tecnologia industriale a partire dalla pura lana di pecora o dalle alghe del mare (in allegato il programma completo e l'elenco di tutti gli interventi).

Durante il primo appuntamento, giovedì 5 maggio, si parlerà in particolare di “Antiche nuove risorse”, ovvero di materiali riscoperti come canapa, kenaf, lino, tabacco, la paglia, la terra cruda, il bamboo e altro ancora. La seconda giornata, che si svolgerà giovedì 26 maggio e avrà il titolo “Chi ri-cerca trova”, si concentrerà sui prodotti più innovativi, dai biopolimeri al micelio, analizzati dal punto di vista tecnico, normativo e produttivo.

“Il filo rosso, in entrambi i casi – dicono i presidenti di architetti e agronomi Egidio Raimondi e Paolo Gandi – è la consapevolezza che serve una nuova alleanza tra agricoltura e architettura per incentivare l'edilizia sostenibile. Un tema quanto mai urgente se si considera che oltre il 40% dell’energia prodotta in Europa viene utilizzato in edilizia e che il settore produce da solo il 50% dell’inquinamento atmosferico e il 70% dei rifiuti. Basti pensare che al momento sono già oltre 30mila in Toscana i lavoratori con competenze 'green' nel settore manifatturiero e nei servizi”.

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Spioncino digitale: ecco come funziona e perchè sceglierlo

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

I più letti della settimana

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Incidente in montagna sulle Dolomiti: muore escursionista fiorentino

  • Incidente in Viale Redi: precipita nel Mugnone / FOTO - VIDEO

  • Terremoto: nuova scossa, la terra trema ancora

  • Meteo Firenze: allerta per pioggia e temporali

Torna su
FirenzeToday è in caricamento