Test di medicina, cosa cambia nel 2019

Cosa cambia, la data e gli orari

Il test di medicina 2019 sarà il 3 settembre alle 9:00 di mattina. I cambiamenti interessano le domande di cultura generale che da 2 passano a 12 e quelle di logica, da 20 a 10.

Le domande di cultura generale riguarderanno l’ambito storico (storia del novecento ed attuale), sociale e istituzionale, letterario. Ci saranno anche quesiti relativi all’area di Cittadinanza e Costituzione.

I quesiti saranno 60, con 5 opzioni di risposta, tra cui una sola è quella esatta. Ogni risposta esatta vale 1,5 punti, -0,4 per ogni risposta errata, zero punti per ogni risposta omessa.

In totale troviamo 12 quesiti di cultura generale; 10 di ragionamento logico; 18 di biologia; 12 di chimica; 8 di fisica e matematica. Per lo svolgimento della prova 100 minuti di tempo. 

Le date di iscrizione alla prova sono state anticipate: l'ultima utile sono le ore 15 del 9 luglio. Gli studenti devono prima registrarsi (a partire dal 17 giugno 2019) sul sito Universitaly e dopo inserire in ordine di preferenza le università per le quali vogliono concorrere.

Il Ministero metterà inoltre a disposizione degli studenti un test psico-attitudinale che potrà essere effettuato su base volontaria: 72 quesiti motivazionali e una simulazione della prova di accesso. Ci sarà anche un video illustrativo sulle principali attività professionali relative ai corsi di laurea ad accesso programmato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Miur ha inoltre di sostenere anche finanziariamente l'organizzazione di corsi di preparazione alle diverse prove, che si terranno nei mesi estivi. Previsto inoltre un aumento sia del numero dei posti disponibili che delle borse di specializzazione (20%).

Il sito del Miur

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buono scuola, prorogata la scadenza per presentare la domanda e l’Isee

Torna su
FirenzeToday è in caricamento