Mense scolastiche a Firenze: tutto quello che c'è da sapere

Dalle diete particolari, all'iscrizione eccome come funziona

La mensa scolastica é un servizio con il quale la scuola realizza, al pari di altri momenti della giornata scolastica, le sue finalità socio-educative nei confronti dei ragazzi, assicurando loro, in particolare, la possibilità di realizzare il prolungamento dell'orario scolastico.

Modalità di richiesta

Scuola dell'infanzia

La domanda di iscrizione al servizio Refezione Scolastica viene sottoscritta contestualmente all'iscrizione al primo anno della scuola dell'infanzia prescelta. Non trattandosi di scuola dell'obbligo, la domanda dovrà essere ripresentata ogni anno contestualmente alla riconferma alla scuola.

Scuola primaria

La domanda di iscrizione alla classe prima della scuola primaria comporta l'iscrizione automatica ai servizi di Refezione Scolastica e si intende valida per l'intero ciclo scolastico.

Per gli alunni frequentanti le classi a tempo pieno e nei giorni di rientro delle classi a modulo, la frequenza al servizio refezione è obbligatoria, salvo situazioni particolari che devono essere richieste per iscritto dal genitore e autorizzate  dal Dirigente Scolastico della scuola frequentata.

L'eventuale iscrizione al servizio di post scuola meridiano, comporta l'iscrizione al servizio di refezione.

Scuola secondaria di primo grado

La domanda di iscrizione alla Refezione Scolastica, nelle scuole secondarie di I grado ove esiste l'attivazione di tale servizio, dovrà essere presentata entro l'inizio dell'anno scolastico presso l'Istituzione scolastica prescelta. Non trattandosi di scuola dell'obbligo, la domanda dovrà essere ripresentata all'inizio di ogni anno scolastico alla propria scuola.

I dati forniti per le iscrizioni verranno trattati, ai sensi del GDPR - General Data Protection Regulation - 2016/679 e normativa nazionale vigente, per le finalità dei Servizi di Supporto alla Scuola.

QUI per maggiori informazioni sui menù, diete speciali e controllo qualità

Requisiti del richiedente

Il servizio di refezione è diretto agli studenti delle scuole statali dell'infanzia, primarie e secondarie di I grado, agli alunni della scuola dell'infanzia comunale e a quelli delle scuole paritarie, la cui attività non abbia fini di lucro, ai sensi dell'art. 6 L.R. n. 53 del 19/06/1981.

E' presupposto per la concessione del servizio, il proseguimento delle attività scolastiche in orario pomeridiano (per gli studenti della scuola primaria dà diritto a usufruire del servizio refezione anche l'iscrizione al servizio di post scuola meridiano).

Documentazione da presentare

Alla domanda di richiesta dei servizi può essere allegata la documentazione relativa all'eventuale richiesta di diete speciali. 

In casi particolari e per patologie specifiche il servizio di refezione è attrezzato per fornire, su richiesta corredata da relativa documentazione medica, pasti che rispondano ad esigenze dietetiche individuali. Nel caso in cui l'alunno necessiti di dieta speciale dovrà essere consegnata, alla direzione della Scuola, la certificazione medica che ha durata annuale salvo che per le patologie croniche (es. celiachia, diabete, etc.).

La dieta verrà assicurata solo successivamente alla consegna della suddetta certificazione al Centro Cottura; nel certificato dovranno essere indicati con precisione gli alimenti che non possono essere consumati dall'alunno, nonchè la scuola,e la classe frequentata. Sono inoltre previsti menù alternativi nel rispetto delle esigenze degli utenti di diverse etnie e religioni, nonche' un menù latto/ovo/vegetariano.

Per richiedere queste tipologie di menù è sufficiente presentare una semplice richiesta scritta del genitore, che avrà validità per tutto il percorso scolastico, salvo revoca da parte dei genitori. In presenza di lievi disturbi di natura gastro/intestinale è possibile richiedere, con nota scritta del genitore da consegnare alla scuola la mattina stessa, un pasto in bianco per un periodo non superiore ai tre giorni al mese; dopo tale periodo sarà necessario il certificato medico, a tutela della salute del bambino.

Costo

Ogni utente dovrà corrispondere una quota di contribuzione al costo del servizio differenziata sulla base della situazione economica del nucleo familiare.

Per usufruire delle quote di pagamento ridotte è necessario presentare ogni anno entro il 30 settembre la domanda di riduzione tariffaria, dichiarando il valore ISEE. In caso di presentazione ad anno scolastico iniziato, i benefici avranno decorrenza dal mese di presentazione, mentre in caso di mancata presentazione della domanda di riduzione tariffaria, verrà applicata d'ufficio la tariffa massima. Il mancato pagamento delle tariffe comporterà l'attivazione della riscossione coattiva secondo le modalità previste dalla legge.

Per informazioni dettagliate su tariffe e benefici tariffari si rimanda alla scheda allegata.

Modalità di fruizione

I pasti vengono confezionati in cucine scolastiche o centri cottura tutti di proprietà comunale e situati nell'ambito territoriale della città, affidati in gestione a ditte di ristorazione.

I pasti vengono prodotti la mattina stessa del consumo, trasportati in appositi contenitori plurirazione che ne garantiscono la temperatura, serviti in locali-refettorio allestiti in ciascun plesso scolastico e distribuiti ai bambini in piatti di porcellana e stoviglieria duratura che vengono successivamente lavati nelle apposite zone lavaggio presenti in ciascun plesso scolastico.

Solo in alcune scuole, in modo però residuale, viene utilizzata stoviglieria a perdere.

Per maggiori informazioni sull'organizzazione del servizio, menù e tabelle dietetiche, diete speciali e controlli qualità/commissioni mensa si rimanda alla scheda di dettaglio a lato pagina.

Il sito del Comune

Potrebbe interessarti

  • Contratti di lavoro: l'Università aiuta a controllarli

  • Residenze d’Artista di Manifattura Tabacchi

  • Regione Toscana: alternanza scuola lavoro

I più letti della settimana

  • Università: in Toscana aumentato il numero degli specializzandi delle scuole mediche

  • Contratti di lavoro: l'Università aiuta a controllarli

  • Nasce FIRST Lab, il laboratorio delle scienze sociali

  • Unifi, anoressia: identificati otto marcatori genetici

  • Residenze d’Artista di Manifattura Tabacchi

  • Regione Toscana: alternanza scuola lavoro

Torna su
FirenzeToday è in caricamento