Bonus cultura, dove spenderlo a Firenze

Dalla musica ai libri, ma anche cinema e teatro. Il bonus è spendibile non solo nei negozi fisici ma anche online

Chi è nato nel 2000 e ha la passione per la musica, il cinema o la lettura può usufruire del Bonus cultura che mette a disposizione di chi, ha compiuto 18 anni nel 2018, 500 euro da spendere appunto in cultura. L'iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Presidenza del Consiglio dei Ministri è un modo per avvicinare i giovani all'arte.

Si potranno spendere in cinema, musica, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza, corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Scadenza

I ragazzi hanno tempo fino al 30 Giugno 2019 per registrarsi a 18app e fino al 31 Dicembre 2019 per spendere il Bonus Cultura.

Che cos'è 18app

E' un’applicazione web che permette a chi compie 18 anni nel 2018 di ottenere 500€ da spendere in buoni per cinema, musica e concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza, corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Come si spende il Bonus Cultura

Basta accedere a 18app con l'identità digitale (SPID), effettuare la procedura di registrazione fino all’ultimo passaggio dell’accettazione della normativa, e iniziare a creare buoni fino a 500 euro. Importante: verificare sempre il prezzo dei beni che s'intende acquistare per generare un buono di pari importo. Sarà possibile salvarlo sullo smartphone o stamparlo e utilizzarlo presso gli esercenti fisici e online aderenti all'iniziativa.

Come richiedere la SPID

Dove spendere i buoni

QUI è possibile trovare tutti i negozi e le attività dove spendere il buono. Si può scegliere il negozio online o fisico e successivamente uno degli ambiti a cui si è interessati tra cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, parchi, aree archeologiche, teatro, danza, formazione e musica registrata. 

Per i negozi fisici: basterà inserire la città d'interesse e vedere i luoghi che hanno aderito.

La normativa su 18app

Controlli e sanzioni: Il MIBAC vigila sul corretto funzionamento della Carta e può provvedere, in caso di eventuali usi difformi o di violazioni delle norme del presente decreto, alla disattivazione della Carta di uno dei beneficiari o alla cancellazione dall'elenco di una struttura, di un'impresa o di un esercizio commerciale ammessi, fatte salve le ulteriori sanzioni previste dalla normativa vigente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contratti di lavoro: l'Università aiuta a controllarli

  • Residenze d’Artista di Manifattura Tabacchi

  • Nasce FIRST Lab, il laboratorio delle scienze sociali

  • Unifi, anoressia: identificati otto marcatori genetici

  • Regione Toscana: alternanza scuola lavoro

Torna su
FirenzeToday è in caricamento