Universal design: l’architettura accessibile protagonista a Firenze

“Universal Design – Per un’architettura accessibile, funzionale e confortevole per tutti” è il titolo dell’appuntamento organizzato per parlare di Universal Design e “fare cultura” sulla tematica della progettazione inclusiva.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

“Universal Design – Per un’architettura accessibile, funzionale e confortevole per tutti” è il titolo dell’appuntamento che si terrà mercoledì 26 giugno presso la Sala Brunelleschi del Museo degli Innocenti di Firenze per parlare di Universal Design e “fare cultura” sulla tematica della progettazione inclusiva, sempre più importante nell’architettura del domani. L’iniziativa è organizzata da Oikos Venezia e Schüco Italia in collaborazione con Andrea Stella, fondatore della onlus “Lo Spirito di Stella” e proprietario dell’omonimo catamarano, il primo al mondo senza barriere architettoniche e pertanto accessibile anche alle persone con disabilità. Ospite dell’evento sarà il Prof. Arch. Fabrizio Rossi Prodi dell’Università degli Studi di Firenze, invitato a condividere la propria visione accademica e la propria esperienza professionale sul design inclusivo. Il filo conduttore dell’incontro sarà la consapevolezza di quanto la corretta progettazione degli spazi possa fare la differenza non solo nel garantire il massimo benessere abitativo, ma anche nel rendere ogni ambiente “universale”, quindi confortevole e sicuro per chiunque. L’obiettivo finale è arrivare a disegnare nuovi scenari di architettura che mettano realmente al centro le persone e le loro esigenze, concretizzando la visione di un futuro in cui ambienti, edifici e città siano facilmente fruibili e qualitativamente migliori per tutti, indipendentemente dall’età, dal sesso, dal background culturale e dalle capacità fisiche e sensoriali di ognuno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento