Il teatro al Tenax: due spettacoli che parlano di guerra e patologie psichiatriche

  • Dove
    TENAX
    Via Pratese, 46
  • Quando
    Dal 29/11/2018 al 29/11/2018
    21:30
  • Prezzo
    Biglietto unico 5 euro alla cassa del teatro; in prevendita 6,50 euro
  • Altre Informazioni

Il 29 novembre a partire dalle 21:30 sul palco del Tenax Theatre si susseguiranno due singolari performance: "Sarajevo" la strage dell’uomo tranquillo un solo di danza di autore di Gennaro Andrea Lauro per "Anticorpi - Tracce di giovane danza" (durata 15 minuti);  e "Sacara Zona" in concerto. Musica rap dalla Sardegna per Glocal – Giovane musica d’autore in circuito (durata 40 minuti).

La coreografia, in forma di studio, su idea e creazione di Gennaro, Lauro Sarajevo – la strage dell’uomo tranquillo, è una riflessione sul tema della guerra e le sue molte forme, un’indagine su quello che accade nei campi di battaglia, in noi stessi e nelle nostre case e in un dopoguerra forse possibile.

"Sacra Zona" è sia il nome d'arte del rapper fondatore (Moreno Murgia) che del collettivo artistico sardo. Il progetto, strettamente di stampo Hard Core Hip Hop, nasce nel 2012 da un gruppo di amici e dal loro desiderio di condividere con altri il proprio percorso di vita e il proprio mondo interiore.

Attualmente la formazione completa comprende un producer, due MC, un grafico e un videomaker; alla voce Moreno Murgia, alle doppie voci Filippo, Meloni e come producer dj Leonardo Serra. Lo stile è fortemente improntato sulle tematiche legate all'horror e al macabro come l'omicidio, violenza, patologie psichiatriche, esoterismo oltre che a tematiche come disagi esistenziali e riflessioni profonde sul proprio essere e sul mondo , che alcune volte li avvicina più ai gruppi conscius rap.

Le numerose dinamiche introspettive e psicologiche presenti nei testi e le frequenti citazioni relative al campo della psicopatologia sono da ricollegare al lavoro del rapper fondatore che si occupa di neuropsicologia/psicoterapia.

I video, così come le grafiche, sono auto-prodotti e mostrano contaminazioni derivanti da numerosi film di genere horror, splatter, gore, passando da Dario Argento, George A. Romero fino a registi come David Cronemberg. Il gruppo è stato influenzato dalla musica underground italiana e non, come: La Fossa, Sa Razza, Colle der Fomento, Sangue Misto, Dsa Commando, Kaos One, Lou X, Gravediggaz, Necro e tanti altri, che hanno lasciato un segno indelebile nel loro genere di sound. In rete sono presenti alcuni singoli come "Autolesionismo" “Aspettando L'alba”, “Memento Mori” e “Apostasia” ,"Wendy", un EP contenente cinque tracce chiamato “Pessimismo EP” e un album di 12 tracce chiamato "Antracite". 

Attualmente è in preparazione un nuovo album la cui uscita è prevista per inizio 2019. 

Tenax Theatre è realizzato con il sostegno di Regione Toscana, Città Metropolitana, Comune di Firenze, Fondazione CR Firenze, in collaborazione con Tenax, Fondazione Toscana Spettacolo, Fondazione Teatro della Toscana, Opus Ballet, Orchestra Futura, Scuola di Musica di Fiesole, Accademia di Belle Arti di Firenze, Conservatorio Cherubini, Unicoop Firenze.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • I Racconti del terrore di Allan Poe alla Pergola

    • dal 14 novembre 2019 al 28 marzo 2020
    • Teatro della Pergola
  • Re Lear al teatro della Pergola

    • fino a domani
    • dal 10 al 19 gennaio 2020
    • Teatro della Pergola
  • I tre porcellini

    • solo domani
    • 19 gennaio 2020
    • Teatro Puccini

I più visti

  • A Firenze la pista di pattinaggio più lunga d'Europa

    • dal 8 dicembre 2019 al 29 febbraio 2020
    • giardino della Fortezza da Basso
  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Dinosaur Invasion, la mostra

    • dal 9 novembre 2019 al 29 marzo 2020
    • Centro Sportivo Paganelli
  • Picasso, l'altra metà del cielo: la mostra a Palazzo Medici Riccardi

    • dal 30 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Medici Riccardi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento