Scoppio del carro a Rufina

Anche quest’anno a Rufina si celebrerà l’arrivo della Pasqua con lo Scoppio del Carro. L’appuntamento è per sabato notte 20 aprile, alle 23.30 in piazza Umberto I. Per celebrare l’arrivo della Pasqua tutto il paese si riunisce in piazza, per aspettare la partenza di questo particolare “carro”, il perfetto funzionamento di quest’ultimo, in passato significava una annata di buon raccolto. Attualmente invece lo Scoppio del Carro è solo un bellissimo spettacolo di fuochi e colori che illumina la notte del sabato santo e i primi minuti del giorno di Pasqua.
Le origini di questa manifestazione risalgono al 1937, quando un gruppo di cittadini rufinesi inventarono un rudimentale “marchingegno” chiamato Berta (dal nome dell’attrezzo dei fabbri per schiacciare le barre di metallo incandescenti) che tramite un particolare procedimento faceva scoppiare un primitivo petardo, con conseguente forte rumore udito da tutto il paese. Nel 1946 la Berta divenne ufficialmente “lo Scoppio del carro” il “marchingegno” usato divenne sempre più sofisticato con la comparsa della “colombina” di carta pesta, accesa all’altezza dell’altare della Chiesa di San Martino, che grazie ai razzi arrivava verso il carro e, una volta accesi i fuochi e ripartiva per la chiesa.

Cosa fare a Pasqua e Pasquetta

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Religione, potrebbe interessarti

I più visti

  • Uffizi, Boboli e Palazzo Pitti a entrata gratuita: ecco le date

    • Gratis
    • dal 17 marzo al 30 novembre 2019
    • Galleria degli Uffizi
  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Torna il mercato di Natale in piazza Santa Croce

    • dal 23 novembre al 22 dicembre 2019
    • piazza Santa Croce
  • Santa Maria Novella: la mostra La Botanica di Leonardo

    • dal 13 settembre al 15 dicembre 2019
    • Complesso Santa Maria Novella
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento