Progetto "Fire - fattorie in rete". La filiera corta del nostro territorio si valorizza

La "Rete di Solidarietà Contadina" di Reggello invita Voi, gli altri organi di informazione e tutte le aziende del territorio, in particolare quelle agricole, alla presentazione mercoledì 16 di un progetto di filiera corta.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

La "Rete di Solidarietà Contadina", che conta 52 aderenti con sede operativa in Reggello, assistita da Fondazione Verrocchio, invita tutte le aziende del territorio di Reggello, Valdarno e Valdisieve alla presentazione della iniziativa "FIRE - Fattorie in Rete".

La Rete si propone come capofila di tale Progetto, che nasce con l'obiettivo di valorizzare la filiera olivo oleicola locale e gli altri prodotti eccellenti, oltre che le capacità ricettive e la vocazione al turismo delle aziende partecipanti e del territorio stesso. A tale iniziativa hanno già dichiarato volontà di adesione a vario titolo quindici aziende.

L'incontro si terrà presso la biblioteca comunale di Reggello il giorno mercoledì 16 settembre alle ore 21.

Nell'occasione sarà illustrato nei dettagli il "PIF - piano integrato di filiera" al quale gli interessati potranno aderire previa domanda e dimostrazione dei requisiti necessari. Per la compilazione della richiesta e l'assistenza necessaria si è deciso di avvalersi della collaborazione di Eurosportello e di alcuni dipartimenti universitari. Le aziende partecipanti infatti tenteranno di accedere alle agevolazioni previste dal bando denominato PIF, dotato di fondi europei, erogati tramite ARTEA dopo valutazione da parte di una commissione che, in collaborazione con il settore Sviluppo Rurale della Regione Toscana, decreterà la finanziabilità o meno del Progetto.

Per informazioni si può consultare il Manager di Rete Mauro Amerighi tramite email all'indirizzo m.amerighi@tin.it o per telefono al numero 335/6826041.

Torna su
FirenzeToday è in caricamento