Panta rei, la bellezza dell'impermanenza

Sabato 1° febbraio alle ore 18.00 in via Borgo Stella 23 r a Firenze s’inaugura il primo appuntamento per il 2020 della rassegna Etoile Toy/ Visual Art Florence promossa dal Florence Dance Center di Marga Nativo e realizzata in collaborazione con la storica e critica d’arte Daniela Pronestì. La rassegna, ideata da Mario Mariotti nel 1987, indaga il rapporto tra immaginazione creativa ed espressione corporea trasformando ogni inaugurazione in un evento che coniuga arte e danza in una performance ispirata alle opere esposte. Tema della rassegna il concetto di back to nature, ovvero un ritorno alla natura che da sempre è per l’arte fonte di ispirazione inesauribile. Proprio gli artisti, infatti, possono dirsi fautori nei secoli di un approccio rispettoso dell’ambiente naturale, in un’ottica che per certi versi anticipa la moderna tematica ecologista. All’arte dobbiamo, inoltre, l’aver contribuito ad introdurre nell’immaginario della cultura occidentale il concetto di “paesaggio”, insegnandoci a riconoscere nella natura aspetti drammatici, lirici, simbolici od onirici da cui discende la nostra percezione dell’ambiente naturale.

Ospite del primo appuntamento della rassegna, l’artista Maria Rita Vita con la mostra intitolata Panta Rei / La bellezza dell’impermanenza. Riunite per l’occasione quasi 20 opere - molte delle quali recenti - in cui protagonista è la natura intesa come esperienza che unisce il dentro e il fuori dell’individuo in una dimensione fluida e cangiante. Come suggerito dal concetto eracliteo del “tutto scorre”, niente di ciò che appartiene all’uomo e alla realtà che lo circonda può dirsi stabile e duraturo ma ogni cosa “vive” e acquista significato proprio in virtù della sua impermanenza. Questo perpetuo fluire ci insegna che la fissità è un inganno, un costrutto culturale che contraddice la verità delle cose presenti anzitutto in natura: sempre uguale a se stesso eppure sempre nuovo è il sole che sorge ogni giorno, il paesaggio al mutare delle stagioni, l’acqua del fiume che scorre inarrestabilmente. Nel mondo naturale, quindi, il cambiamento non è solo condizione necessaria alla vita ma è anche espressione di una bellezza che fonda la propria essenza sul divenire. Così nell’opera di Maria Rita Vita lo sviluppo molteplice e dinamico di colore e segno è indizio di un continuo mutare di stati d’animo, pensieri ed emozioni che l’artista fissa sul supporto in una staticità “fisica” ma non percettiva. Osservando i suoi dipinti, infatti, si ha l’impressione di entrare in un vortice di sensazioni che crescono l’una dall’altra in un movimento senza fine. Noi “siamo” ed “esistiamo” nella misura in cui non ci opponiamo al cambiamento ma lo accogliamo come parte ineludibile della nostra natura: questo sembra dirci l’artista, ricordandoci che l’impermanenza non è uno strappo né una perdita ma è libertà, verità e bellezza. E se l’arte è il tentativo di gareggiare con il tempo inseguendo l’illusione di un’eternità possibile, di valori sempre uguali perché cristallizzati dalla tradizione, Maria Rita Vita invita a riflettere invece sulla necessità del cambiamento come conditio sine qua non del processo artistico. Proprio nell’atto creativo l’artista sperimenta la transitorietà di ogni cosa dentro e fuori di sé, scoprendosi ogni volta uguale eppure sempre diverso rispetto alle certezze già acquisite. In questa scoperta risiede la forza di una pittura, quella di Maria Rita Vita, che non si lascia ingabbiare né in una regola né in un’idea preconcetta di “bello artistico” o di stile, ma sgorga in maniera libera e spontanea seguendo il flusso dell’armonia nascosta nel continuo rinnovarsi dell’esperienza esistenziale e creativa.

L’inaugurazione della mostra vedrà esibirsi il corpo di ballo del Florence Dance su una coreografia ideata da Benedetta Ghiglia ed ispirata alle opere di Maria Rita Vita, compresi i lunghi teli in seta con stampe artistiche utilizzati dalle ballerine durante l’esibizione.

L’evento sarà ripreso dalla rubrica televisiva Incontri con l’arte di Fabrizio Borghini (Toscana tv) e recensito dalla rivista di arte e cultura diretta da Daniela Pronestì La Toscana Nuova.


Florence Dance Center
Borgo della Stella 23/r (Piazza del Carmine), 50124 Firenze
Dal lunedì al venerdì (10.00 - 13.00 / 14.30 - 20.00)
www.mariaritavita.com -

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 28 giugno 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Tutankamon: viaggio verso l’eternità. La mostra a Firenze | FOTO / VIDEO

    • dal 15 febbraio al 2 giugno 2020
    • Palazzo Medici Riccardi
  • Palazzo Strozzi, la mostra di Tomás Saraceno

    • dal 22 febbraio al 19 luglio 2020
    • Palazzo Strozzi

I più visti

  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 28 giugno 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Tutankamon: viaggio verso l’eternità. La mostra a Firenze | FOTO / VIDEO

    • dal 15 febbraio al 2 giugno 2020
    • Palazzo Medici Riccardi
  • La corsa di "auto" più pazza del mondo arriva a Firenze

    • 7 giugno 2020
    • Piazzale Michelangelo
  • Red Hot Chili Peppers al Firenze Rocks

    • 13 giugno 2020
    • Visarno Arena
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento