← Tutte le segnalazioni

Altro

Martina Attili incontra Marian Richero e insieme presentano "Baci amari e musica d'autore"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Martina Attili incontra Marian Richero e insieme hanno presentato "BACI E MUSICA D'AUTORE" il nuovo romanzo di Martina Attili uscito il 16 gennaio scorso in tutte le librerie e nei bookstore, sorriso contagioso, sguardo trasparente e microfono lasciato sul tavolo per iniziare una chiacchierata informale, ha presentato alla Feltrinelli nella serata del 19 febbraio il suo esordio letterario “Baci amari e musica d’autore” di Longanesi. Classe 2001, già protagonista di X Factor, ha personalità da vendere e l’aspetto “baby” rivela ben presto caparbietà e determinazione. Del resto è un’artista completa: ha recitato in fiction italiane quali “Che Dio ci Aiuti” e “L’onore e il rispetto”. È diventata famosa con l’inedito “Cherofobia”, quella forma d’ansia derivante dalla paura di essere felici, che ha dato il nome all’ep e al tour di concerti del 2019. Il singolo ha conquistato il disco di platino, ha totalizzato milioni di visualizzazioni su Spotify, Un ciclone anche al pianoforte e sui social, dove in tanti la identificano ancora con l’hashtag #attilinapower. Per lei cantare ha significato la salvezza, un lasciapassare per la vita e per la realizzazione personale. Tra i suoi punti di riferimento cita per esempio David Bowie, ma per scoprire di più sui suoi orientamenti e sul suo modo di essere basta aprire il romanzo dove si mette a nudo o seguire uno dei suoi eventi in giro per l'Italia. La protagonista del romanzo si chiama Sara, ha 16 anni, e gareggia per la Nazionale di pattinaggio fino a un maledetto incidente che le spalanca l’inferno delle paure e del vuoto. E’ la storia di chi impara, per necessità, a rialzarsi anche se pesa come un uccellino, anche se scrive brani che trafiggono il cuore come mille lame. L’autrice scrive trovando il coraggio di scavare nell’inespresso e nelle fragilità di cui, a volte, si ha paura di parlare. Da cosa deriva la svolta? Forse da quella caparbietà che Martina Attili possiede con naturalezza da sempre. «La forza in realtà -ha detto la cantante- nasce dalla capacità di ammettere che si ha un problema e di chiedere aiuto per risolverlo. La protagonista riesce a superare l'impasse grazie a chi le sta intorno, spero che venga fuori dalle pagine del libro. La consapevolezza è il primo passo». Martina Attili è coinvolta anche in campagne sociali, ad esempio si è ripetutamente schierata contro il bullismo e il cyberbullismo quale testimonial del Centro Nazionale contro il Bullismo/Bulli Stop. «Se farò un prossimo libro -ha rivelato Attili- magari lo farei in modo differente, dalla prima alla terza persona, con in mezzo tanta musica. Quello che non cambierei è il lato motivazionale, finché posso aiutare qualcuno anche con le parole vado avanti». In un qualche modo si sente a suo agio sia in libreria sia tra le folle dei concerti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
FirenzeToday è in caricamento