"H come amore" al Teatro comunale di Antella

Inutile negarlo: siamo tutti diversi. Ma abbiamo tutti gli stessi sogni e le stesse paure. E soprattutto gli stessi bisogni. Mentali e fisici. Stefano - o come lo chiamano tutti "Stefanino" - è un uomo di trentasei anni e, anche se gioca con le macchinine e disegna con i pennarelli colorati, il suo corpo è quello di un adulto: cominciano i primi capelli bianchi, le prime rughe sul viso e ha il desiderio quotidiano di soddisfare la propria sessualità. Solo la madre, sola, in un mondo forse troppo bigotto o troppo menefreghista, si preoccupa di questo lato "oscuro" di cui nessuno sembra volersi accorgere. E si rivolge ad una "professionista" come si fa quando si ha bisogno di risolvere un problema: Halina, russa, di una bellezza provocante e un po' appariscente si presenta a casa di Stefanino. Ed è qua che comincia la nostra storia. Sessualità e disabilità: un tema spinoso, difficile. Ma solo per chi ha paura di affrontare la vita in tutte le sue infinite sfaccettature. Ma che può rivelare tratti divertentissimi e inaspettati, come spesso, i portatori di disabilità sanno regalare a coloro che pensano di sapere tutto dalla vita. Mesi di ricerche, interviste, studi, hanno portato Riccio alla stesura di un testo pieno di piccoli dettagli che aprono punti di vista inaspettati e sinceri: "tutto quello che c'è nello spettacolo è vero: non abbiamo fatto altro che ricomporre un mosaico di testimonianze" dice Riccio. Gaia Nanni, per molti anni ha collaborato con l'associazione "Trisomia 21" sente questo spettacolo come una urgenza: "necessario" lo ha definito "perché è un argomento di cui si deve parlare". Alessandro Riccio e Gaia Nanni, si ritrovano sul palco assieme dopo l'enorme successo de "La Meccanica dell'Amore" (che ha visto la Nanni candidata al Premio UBU come migliore attrice per l'incredibile interpretazione della bambola meccanica) per ricreare nuovamente magia e divertimento. Con loro Deanna Melai nella parte della madre di Stefanino, un po' matta e un po' geniale. In scena per due settimane al Teatro Comunale di Antella - diretto da Riccardo Massai - che ha accolto con entusiasmo in cartellone questa proposta perché in linea con moltissime produzioni che lo stesso Massai ha realizzato con ragazzi e adulti portatori di disabilità di vario tipo. Alcune date sono già esaurite; Riccio e Nanni sanno come parlare al pubblico: mirando al cuore. E fanno sempre centro.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Estate Fiesolana: il programma tra musica, teatro e cinema

    • dal 21 giugno al 2 agosto 2018
    • Teatro Romano di Fiesole
  • Il ciclo Šostakovič al Maggio Musicale Fiorentino

    • dal 28 ottobre 2017 al 30 giugno 2018
    • Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
  • Villa Bellosguardo: gli spettacoli teatrali alla scoperta del tenore Enrico Caruso

    • dal 2 giugno al 1 luglio 2018
    • Villa Caruso Bellosguardo

I più visti

  • "Steve McCurry, icons": la mostra del grande fotografo a villa Bardini

    • dal 15 giugno al 16 settembre 2018
    • Villa Bardini
  • Alla scoperta delle ville e dei giardini di Fiesole. Il programma

    • Gratis
    • dal 12 aprile al 10 ottobre 2018
  • Palazzo Strozzi, la mostra "Nascita di una Nazione. Tra Guttuso e Fontana"

    • dal 16 marzo al 22 luglio 2018
    • Palazzo Strozzi
  • San Miniato compie 1.000 anni: il programma delle celebrazioni

    • dal 20 aprile 2018 al 27 aprile 2019
    • San Miniato al Monte
Torna su
FirenzeToday è in caricamento