Il mio nome è Charlie: l'omaggio a Charlie Chaplin

16 aprile 1889. Alla periferia di Londra viene alla luce un bambino. Nel giro del ventennio successivo, quel bambino diventato un giovane ragazzo contibuì a rivoluzionare per sempre il mondo del cinema. Il suo nome era Charlie Chaplin.

In occasione del centotrentesimo anniversario della nascita, l'Associazione Culturale Rosebud, in collaborazione con Social Arts Factory, vi invita alla serata "Il mio nome è Charlie". Omaggeremo l'estro, la creatività e il talento di Charlie Chaplin proiettando 3 cortometraggi dell'inizio della sua carriera, accompagnati dalla musica eseguita rigorosamente dal vivo dall'orchestra jazz OsmannGold.

Ma non solo. Durante la serata ascolterete dei brani e delle poesie, letti e interpretati dagli attori Riccardo Stopponi e Leonardo Ceccatelli, tratti dell'autobiografia ufficiale di Charlie Chaplin.

E le sorprese non finiscono qui...

"Il mio nome è Charlie" - uno spettacolo ideato e scritto da Mirko Ballone, Daniele Marseglia e Vito Piazza.

Narratore: Daniele Marseglia
Con la partecipazione di: Martina Neri, Leonardo Ceccatelli e Riccardo Stopponi

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • Cineforum alla biblioteca comunale

    • Gratis
    • dal 14 ottobre al 25 novembre 2019
    • Biblioteca Comunale di Rignano sull'Arno

I più visti

  • Uffizi, Boboli e Palazzo Pitti a entrata gratuita: ecco le date

    • Gratis
    • dal 17 marzo al 30 novembre 2019
    • Galleria degli Uffizi
  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Torna il mercato di Natale in piazza Santa Croce

    • dal 23 novembre al 22 dicembre 2019
    • piazza Santa Croce
  • Santa Maria Novella: la mostra La Botanica di Leonardo

    • dal 13 settembre al 15 dicembre 2019
    • Complesso Santa Maria Novella
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento