Dal cancro al burlesque: 19 pazienti oncologiche debuttano al Puccini

Il mio corpo è un'opera d'arte: dal cancro al burlesque

Diciannove donne che hanno vissuto l'esperienza della malattia oncologica debuttano al Puccini. Appuntamento mercoledì 25 maggio alle ore 20,45, presso il Teatro Puccini con lo spettacolo “Il mio corpo è un'opera d'arte dal cancro al burlesque”, frutto del progetto Women Life Love, ideato da Francesca Sanità dell’associazione Arbus e realizzato in collaborazione con Lega Italiana per la Lotta contro i tumori – Sezione di Firenze ONLUS,Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica e il Centro di Riabilitazione Oncologica (CeRiOn). 

Lo spettacolo è dedicato a Carla Andreini, moglie di Michele Di Grande che ha finanziato un’ampia parte del progetto. Le pazienti-attrici sono Alessandra Allori, Alessandra Sieni, Alessandra Sbolci, Doriana Masi, Tamara Gonnelli, Maria Laura Marino, Laura Scarpitti, Carla Calvaresi, Carla Cerbai, Cristina Galletti, Maria Fumarolo, Claudia Marucelli, Graziella Carboni, Luisa Libretti, Elisabetta Vannini, Giuliana Bongianni, Maria Francesca Torselli, Simona Capigatti, Giulia Semplici. Le donne sono state seguite da un team di esperti tra cui Alessandra Gori psicologa, psicoterapeuta conduttrice dei gruppi di teatro-terapia e le responsabili del Ce.Ri.On., Maria Grazia Muraca, medico chirurgo e Giovanna Franchi, psiconcologa.
 
“Con il mio corpo è un'opera d'arte  - spiega la regista Francesca Sanità che ha vissuto l’esperienza della malattia - vogliamo mettere in scena i ricordi, le emozioni, i pensieri che tutte noi abbiamo avuto o provato nelle varie fasi del cancro, dal momento in cui, nella nostra vita è arrivata la notizia della diagnosi fino a quello in cui ci troviamo ora, con una grande cosa in comune: vivere la vita con un boa rosso al collo, qualsiasi cosa ci stia succedendo”. I testi sono stati scritti dalle soubrettes, rivisti dalla drammaturga Chiara Guarducci. Lo spettacolo nasce dalle risposte che le pazienti hanno dato a Francesca Sanità rispetto ad alcuni quesiti; altre scene sono scaturite invece dai ricordi che le pazienti hanno in comune o da situazioni che hanno vissuto nel corso dell’anno.
 
“Faccio l’esempio della risonanza magnetica - aggiunge Sanità -  che mi è venuta in mente il giorno in cui sono andata a fare la risonanza, i suoni strani che ho udito dentro al "tubo" a occhi chiusi li ho trasformati in una musica, così è scaturita l’idea della scena che ho poi condiviso con le soubrettes”. “Ci sono stati momenti difficili  - aggiunge - in cui alcune persone hanno scelto di non continuare il percorso; ci sono state persone che hanno dovuto interrompere per le cure e a tutte va un mio grande abbraccio, le soubrettes che sono in scena hanno superato con forza le difficoltà e le paure che hanno provato e ne sono uscite ancora più forti e più belle.

"Ho visto delle trasformazioni incredibili, delle vere metamorfosi. Abbiamo anche affrontato dei grandi tabù legati alla malattia, primo fra tutti la sessualità durante la malattia. Anche in questo caso ci siamo addentrate insieme in territori spinosi, spesso percorsi in solitudine e con vergogna. Mi sono sentita sin dall’inizio una di loro perché io sono una paziente e quindi non ho avuto il timore di ferire o di avere un atteggiamento non appropriato. Un caloroso ringraziamento a tutte loro che mi hanno permesso di vivere un’esperienza straordinaria”.
 
Hanno collaborato alla realizzazione dello spettacolo Chiara Guarducci per il testo, Marco Ulivieri per i contributi video, Antonio Musa per i costumi, Marco Falai alle luci e Leonardo Granchi ai suoni, Marco Toloni e Viola Panik per contributi artistici, Daniela Barucci per l'organizzazione e Luca Ruggeri per la scenografia.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • I Racconti del terrore di Allan Poe alla Pergola

    • dal 14 novembre 2019 al 28 marzo 2020
    • Teatro della Pergola
  • Re Lear al teatro della Pergola

    • dal 10 al 19 gennaio 2020
    • Teatro della Pergola
  • Identità e differenza, la psicanalisi e gli incidenti d'amore

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 14 marzo 2020
    • Libreria dei Lettori

I più visti

  • A Firenze la pista di pattinaggio più lunga d'Europa

    • dal 8 dicembre 2019 al 29 febbraio 2020
    • giardino della Fortezza da Basso
  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Dinosaur Invasion, la mostra

    • dal 9 novembre 2019 al 29 marzo 2020
    • Centro Sportivo Paganelli
  • Natalia Goncharova, in mostra a Palazzo Strozzi una delle Amazzoni dell’Avanguardia

    • dal 3 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020
    • Palazzo Strozzi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento