Calcio Storico Fiorentino, chieste dimissioni vicesindaco: ipotesi è truffa

Presso la Procura della Repubblica gli atti depositati per l'accertamento della truffa aggravata ai danni del Comune

Una gara d’appalto vinta con un’offerta che prevedeva prestazione di manodopera ad un costo inferiore rispetto a quanto previsto dal CCNL e senza alcun costo aggiuntivo previsto per la sicurezza dei lavoratori. Il calcio storico sospeso con la relativa perdita da parte del Comune di Firenze dell’incasso della finale. Un servizio effettuato con meno uomini di quanti ne fossero stati previsti dal disciplinare di gara e dalle autorità di pubblica sicurezza. Una fattura inspiegabilmente maggiorata rispetto al servizio prestato" anomalie che secondo il consigliere comunale di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale, Francesco Torselli, configurano l'ipotesi di "una truffa aggravata ai danni del Comune di Firenze, ai sensi dell’Art. 640 del Codice Penale".

“Abbiamo tutti gli elementi – ha spiegato Torselli – per dubitare della legittimità della gara, svoltasi con il sistema Si.Ge.Me. (mercato elettronico), con la quale è stato assegnato il servizio di controllo accessi in occasione del torneo 2014 di calcio storico fiorentino, nonché sulle modalità con le quali questo servizio sia stato svolto. Non capiamo i motivi per i quali il Comune di Firenze abbia dichiarato valida un’offerta che prevedeva una prestazione di manodopera ad un prezzo di 12,03 Euro/ora, quando il CCNL, 6° livello settore sport, prevede un minimo di 12,20 Euro/ora, senza peraltro che l’offerta contenesse nemmeno un euro destinato ai costi per la sicurezza dei lavoratori, obbligatori secondo la normativa vigente, così come ribadito nel pronunciamento n. 4849/2010 della V sezione del Consiglio di Stato”.

Altre anomalie. "Ad esempio i nominativi dei lavoratori effettivamente impiegati, che risultano differenti (di 31 nominativi su 70 per la giornata del 14/06 e di 24 nominativi su 70 per la giornata del 15/06) rispetto a quelli che l’azienda aggiudicataria del servizio avrebbe dovuto obbligatoriamente presentare contestualmente all’offerta.
C’è poi la questione delle presenze effettive: gli addetti al controllo accessi sarebbero dovuti essere 70 per la giornata del 14 giugno e 70 per la giornata del 15, ma secondo noi, in entrambe le giornate, gli addetti presenti sul posto di lavoro (che il comune non ha verificato) erano decisamente di meno”.

“Da queste ultime considerazioni – ha continuato Torselli – si delinea il reato di truffa aggravata: la ditta aggiudicataria del servizio ha emesso una fattura al Comune di Firenze (la n. 194 del 1/07/2014) di 11.266 Euro che, stando a quanto offerto, equivale a 72 servizi prestati per la giornata del 14 giugno ed altrettanti per la giornata del 15.
Quindi, anche se fossero state rispettate le disposizioni di pubblica sicurezza (70 addetti per il 14/06 e 70 addetti per il 15/06) vi sarebbe un eccesso di 319,00 Euro tra quanto il Comune dovrebbe pagare e quanto invece richiesto dalla ditta aggiudicataria del servizio. E siccome siamo certi che i servizi prestati non sono stati 70, né per la giornata del 14 giugno, né per la giornata del 15, evidentemente la truffa assume dimensioni anche maggiori. E stiamo ovviamente parlando di denaro pubblico”.

“Tutte queste considerazioni – tuona il capogruppo di Fratelli d’Italia – sono state poste in una interrogazione al sindaco nella seduta del consiglio comunale del 7 luglio scorso, alla quale ha risposto la vicesindaco Cristina Giachi, smentendole una per una e ribadendo l’assoluta regolarità, sia della gara che dello svolgimento del servizio ed arrivando perfino ad aggiungere che "l’ufficio organizzatore ha riportato giudizi positivi sulla ditta" come ulteriore considerazione”.

Ha proseguito Torselli – "ho raccolto le medesime considerazioni in un esposto che ho presentato al Questore di Firenze il 14 luglio scorso. In data di venerdì 19 luglio, dietro mia precisa richiesta, gli uffici della Polizia Amministrativa della Questura di Firenze mi hanno informato di aver concluso le proprie indagini e di aver ritenuto veritiere tutte le mie considerazioni, inviando il tutto alla Procura della Repubblica per procedere con l’accertamento della truffa aggravata ai danni del Comune. A tal proposito vorrei ringraziare e fare i miei più vivi complimenti al Questore di Firenze ed alla direzione della Polizia Amministrativa, che forse aveva già posto la propria attenzione sulla vicenda, ma che in ogni caso ha dimostrato grande efficienza, rapidità e disponibilità”.

“Preso atto di questo – conclude Torselli – due sono le possibilità: o gli uffici agiscono senza alcun controllo da parte dell’amministrazione alla quale dettano perfino le linee politiche, oppure la vicesindaco ha affermato in consiglio comunale cose palesemente non vere. In entrambi i casi credo sia doveroso interrogarsi se questa possa o meno continuare a ricoprire l’attuale incarico istituzionale

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Via de'Pucci: chiuso lo Shot Cafè

  • Crac Costruzioni Margheri: sette condanne per bancarotta

  • Vinci: ragazza di 19 anni muore in discoteca / FOTO

  • Fiorentina: il nuovo stadio a Campi Bisenzio incompatibile con l'aeroporto

  • San Jacopino: allarme bomba / FOTO

  • Manifestazione per i curdi: scontri con la polizia alla stazione / VIDEO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento