L’artista Lapo Gargani apre le porte del suo studio

  • Dove
    Via Cremani, 12
  • Quando
    Dal 10/06/2018 al 11/06/2018
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

A pochi passi dall’antico e prestigioso complesso della Certosa di Firenze, domenica 10 giugno e lunedì 11 giugno 2018, dalle ore 17.00 fino alle ore 21.00, si terrà l’apertura straordinaria dello studio dell’artista Lapo Gargani, al numero 12r di Via Cremani Galluzzo, Firenze.

L’artista aprirà le porte del proprio atelier per far scoprire al pubblico il luogo dove lavora, quell’intimo spazio nel quale concepisce e realizza le proprie opere. Durante l’apertura straordinaria del suo studio, l’artista presenterà i suoi ultimi lavori della serie “Femme” e “Prospettive Possibili”. Lapo Gargani si intratterrà con tutti gli interessati guidandoli alla scoperta di alcune delle sue opere pittoriche prodotte dal 2016 ad oggi: i ritratti di misteriose figure femminili, le rappresentazioni di spiagge deserte e pontili abbandonati, i paesaggi polari con arbusti talvolta dalle chiome infuocate e le raffigurazioni di scenari popolati da immagini simboliche che volgono verso un altrove. Biografia Lapo Gargani nasce a Firenze nel 1972.

Da sempre appassionato di arte e pittura, lavora fin da giovanissimo nel campo della decorazione e del restauro pittorico e parallelamente, nel 1995, inizia la sua carriera artistica. Riceve nel corso degli anni attestati importanti come ad esempio il XXIV Premio Firenze nel 2006, il Premio Italia nel 2007, la segnalazione come “Artista da seguire” sulla rivista Exibart nel 2009. Collabora con scrittori e musicisti: nel 2013 firma le scenografie in Palazzo Pitti per il concerto del jazzista danese Jesper Bodilsen, per il quale realizza anche la copertina dell’album, dal titolo “Acouspace Plus”. Nel 2015 Lapo Gargani realizza un importante lavoro dedicato a Vinicio Capossela, che viene pubblicato nel volume di Laura Rizzo “Canzoni a Manovella”. Importante per la sua carriera artistica è l’incontro con la curatrice d’arte e di eventi Gisella Guarducci nel 2016. La produzione dell’artista affonda le radici nel disegno e nello studio attento e meticoloso di immagini, fotografie e testi, che Lapo Gargani esplora, indaga, seleziona e rielabora con raffinata sensibilità. Trasparenze, graffiti, scalfitture nella materia, composizioni a collage e tocchi precisi di colore, sono tratti riconoscibili della mano dell’artista, che è sempre attento a realizzare opere dall’impeccabile equilibrio compositivo. Le sue opere evocano proiezioni oltre i confini del reale, ma anche immersioni nell’abisso del passato e dei ricordi. La produzione di Lapo Gargani è un percorso alla ricerca di una verità, carico di fascino e di mistero. Link Facebook: http://bit.ly/FBLapoGargani Website: www.lapogargani.com Info e contatti Opening Studio Lapo Gargani Apertura straordinaria: 10-11 giugno 2018 dalle ore 17:00 alle ore 21:00 (ingresso libero) Via Cremani 12r, Galluzzo (FI) Gisella Guarducci (G-Art) cell: +39 335 700126 mail: g.artfirenze@gmail.com

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Dinosaur Invasion, la mostra

    • dal 9 novembre 2019 al 29 marzo 2020
    • Centro Sportivo Paganelli
  • Picasso, l'altra metà del cielo: la mostra a Palazzo Medici Riccardi

    • dal 30 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Medici Riccardi

I più visti

  • A Firenze la pista di pattinaggio più lunga d'Europa

    • dal 8 dicembre 2019 al 29 febbraio 2020
    • giardino della Fortezza da Basso
  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Dinosaur Invasion, la mostra

    • dal 9 novembre 2019 al 29 marzo 2020
    • Centro Sportivo Paganelli
  • Picasso, l'altra metà del cielo: la mostra a Palazzo Medici Riccardi

    • dal 30 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Medici Riccardi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento