Turismo, gli albergatori: "Serve un'anagrafe degli immobili per la ricezione "

"E stop alla trasformazione dei grandi immobili dismessi in nuove strutture ricettive”

“Una anagrafe completa di tutti gli immobili destinati a ricettivo compresi gli affitti brevi; l’adozione di un unico criterio sotto il profilo degli adempimenti e dei controlli; l’applicazione di un sistema di oneri che tenga reale conto del fatto che si tratta comunque di unità immobiliari destinate alla accoglienza turistica e non appartamenti affittati a famiglie di residenti. Ma anche lo stop alla trasformazione dei grandi immobili dismessi in nuove strutture ricettive. Sono questi i punti fermi di cui tenere conto se davvero si vuole fermare la trasformazione di Firenze in un dormificio. Servono provvedimenti urgenti del Governo ma anche un'azione a livello locale per regolamentare una tendenza che rischia di spopolare la città di residenti, provocare la chiusura delle attività commerciali tradizionali e di fatto impoverire il tessuto urbano e l'offerta di Firenze, che deve invece attrarre un turista che intende venire in città per vivere un’esperienza particolare”. È quanto chiede il presidente di Federalberghi Firenze Francesco Bechi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: dalla Cina stanno rientrando a Prato e Firenze 2.500 persone

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Folle inseguimento, paura sui viali: 14enne semina il panico

  • Campi Bisenzio, rivende merce rubata ai Gigli davanti ai Gigli: denunciata

  • Marradi: soppresso da Papa Francesco il monastero domenicano. Le tre suore saranno trasferite

  • Frecciarossa deragliato a Lodi: prodotto a Firenze il pezzo difettoso del cambio all'origine della tragedia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento