Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riaperture, taxi fermi per ore: "Una catastrofe" / VIDEO

Pronto il sit-in sotto Palazzo Vecchio

 

"Peggio dell'11 settembre". Sono le parole amare dei tassisti fiorentini che "depositano" le loro auto nelle aree di sosta in attesa dei clienti. E aspettano. Aspettano ore.  Infatti con la crisi economica ingenerata dal lockdown, necessario a contenimento del Covid-19, il turismo si è azzerato. Idem per il business creato dal turismo congressuale legato alle fiere cittadine.  Un tracollo che si misura in tempi di attesa e numero di corse, un paio al giorno. 

Domani pomeriggio (ore 15:30) i tassisti fiorentini andranno sotto Palazzo Vecchio - rispettando le norme di sicurezza - per chiedere un sostegno al Comune. "Siamo a incassi zero - spiega Tiziano Barchielli, presidente di Uritaxi Toscana - nei fondi del governo ci sono aiuti al settore del turismo ma noi non vi possiamo accedere in quanto figuriamo come artigiani".  "Per questo l'intento è quello di chiedere lo sgravio della Cosap".  

Il presidente del sindacato toscano chiarisce come la piaga incida su tutta la categoria, visto che "80% dei tassisti deve pagare una licenza o un mutuo". "Chiederemo anche alla Regione Toscana di sostenerci con aiuti a fondo perduto come già fatto in altre regioni italiane".

Inoltre, ad alzare la tensione nel centro storico, ci sarebbero anche la "ricomparsa di risciò e caddy". "In questo momento chiediamo qualche controllo in più per evitare che la situazione possa sfociare in episodi di intolleranza".  

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento