Peretola: servizio di consegna a domicilio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

I negozi del Ccn di Peretola consegnano gratuitamente la spesa a domicilio. Gianassi: “Iniziativa molto importante. Li ringrazio perché ancora una volta dimostrano il valore sociale delle botteghe di vicinato.”Servizio di consegna gratuita a domicilio per i negozi di vicinato di Peretola. E’ quanto hanno organizzato al Centro Commerciale Naturale Le Botteghe del Borgo, insieme a Comune, Quartiere e Confesercenti Firenze, che a partire da oggi hanno messo a disposizione questo servizio per la propria clientela. Hanno aderito al servizio, che è possibile prenotare chiamando i numeri indicati nel volantino, un negozio di ottica, uno di abbigliamento, un’enoteca, un negozio di intimo e biancheria per la casa, una macelleria, un ortolano, un forno-alimentari, un bar e una erboristeria. “Un’iniziativa importante – ha detto l’assessore al commercio e alle attività produttive Federico Gianassi – che dimostra ancora una volta l’importanza delle nostre botteghe di vicinato. La consegna gratuita a domicilio va incontro, in questa emergenza, alla necessità di uscire il meno possibile da casa e ai commercianti che così possono continuare a lavorare in questo momento anche di grave difficoltà economica”. “Ringraziamo i commercianti per questa iniziativa – ha detto il presidente del Q5 Cristiano Balli, che ha lavorato a stretto contatto con Andrea Ciulli, presidente della commissione cultura e sviluppo economico del Q5 – e ci auguriamo che siano molti a usufruire del servizio gratuito, che è possibile attivare chiamando i numeri di telefono riportati nel volantino allegato”. Il presidente di Confesercenti Firenze Santino Cannamela ha aggiunto: “Un bel progetto che abbiamo condiviso subito. Adesso, partendo da Peretola, stiamo lavorando già da oggi per estenderlo rapidamente a tutti i 40 centri commerciali della città”.

Torna su
FirenzeToday è in caricamento