Feste di Natale, Capodanno e Epifania: boom di turisti in Toscana

Il maggior numero di arrivi sarà tra Capodanno e l’Epifania, nel 2019 nella regione oltre 48 milioni di pernottamenti

La Toscana si conferma, anche per il 2019, tra le destinazioni più ambite per il turismo italiano e straniero.

Durante queste festività natalizie i pernottamenti degli stranieri stimati dovrebbero attestarsi intorno a 700mila unità (44,2% del totale), mentre i pernottamenti degli italiani sono stimati in circa 900mila unità (55,8% del totale).

Queste stime mostrano, rispetto allo scorso anno, una flessione dei turisti italiani (-1%), compensata in parte dalla crescita dei turisti stranieri (+1,1%).

Tendenzialmente il movimento turistico regionale nei giorni del Natale è stimato a solo il 25% del totale che si registrerà nell’intero periodo delle festività. Pertanto, tra fine anno e l’Epifania nelle strutture ricettive si registrerà il rimanente 75% dei flussi.

Questo è il risultato emerso dall’indagine realizzata dal Centro Studi Turistici di Firenze per Confesercenti Toscana.

Complessivamente, nel periodo delle festività saranno oltre 565mila i turisti che utilizzeranno i servizi delle strutture ricettive e trascorreranno oltre 1,5 milioni di pernottamenti, di cui 1,1 milioni tra Capodanno e l’Epifania. 

"Anche per queste festività si confermano risultati positivi per le Città/centri d’arte (+0,1% grazie all’incremento della domanda estera), Campagna/collina (+0,8% preferite in particolar modo dagli italiani) e termale (+0,9%), ma le aspettative delle imprese sono di un ulteriore miglioramento del mercato. Valori di flessione sono stati segnalati dagli imprenditori ricettivi delle località costiere (-2,6%) e della montagna (-2,4%). In tendenziale aumento, invece, le località ad “altro interesse” (+0,6%)", spiega una nota diffusa da Confesercenti.

Il trend per le strutture alberghiere (+0,4%) appare sicuramente migliore rispetto a quello atteso per le imprese dell’extralberghiero (-1,3%).

“Il 2019 ha fatto registrare un trend altalenante ed in parte discontinuo per il settore turistico, anche a causa delle condizioni meteo che hanno influenzato negativamente i ponti primaverili e l’avvio della stagione balneare. – commenta Nico Gronchi, presidente Confesercenti Toscana –. Le presenze di turisti si confermano, comunque, stabili ed in leggero aumento a fronte però di un lieve calo del fatturato, determinato, probabilmente, dalle prenotazioni ‘last minute’ e ‘last second’ a prezzo scontato”.

Riepilogando, per il consuntivo 2019, secondo la stima del Centro Studi Turistici il settore dovrebbe chiudere il 2019 con oltre 48,5 milioni di pernottamenti, cioè il +0,7% rispetto al 2018.

I pernottamenti degli stranieri sono stimati in 26,2 milioni (-0,4%), a fronte di 22,4 milioni di presenze italiane (+2,1%).

Le stime migliori sono per il settore extralberghiero (+1%), mentre l’alberghiero il consuntivo dovrebbe attestarsi al +0,4%.

Non tutte le risorse turistiche hanno registrato gli stessi livelli di crescita. In assoluto le aree con le performance migliori risulterebbero quelle della montagna (+2,1%), delle località “ad altro interesse” (+2,3%) e della campagna/collina (+1,8%).

In crescita anche il movimento registrato nelle città/centri d’arte (+1,5%), mentre per le località marine la flessione stimata è del -0,8% e per le aree del termale del -0,5%. In flessione il fatturato delle aziende che secondo le stime segnerebbe il -0,5%. Andamento differenziato tra i due comparti: -0,7% il fatturato dell’alberghiero e assoluta stabilità per l’extralberghiero (+0,1%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo soddisfatti che anche per queste festività, la Toscana si confermi tra le mete più ambite – conclude Gronchi –. Questo a dimostrazione dell’inestimabile valore del patrimonio artistico, culturale e gastronomico della Toscana, senza dimenticare la qualità delle strutture ricettive".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colossale truffa nel mondo del vino: Brunello e Champagne falsi

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Tragedia in centro: muore a 28 anni in un incidente stradale / FOTO

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

Torna su
FirenzeToday è in caricamento